Condividi

Le ‘Locande d’Europa’ per la cooperazione internazionale tra Cilento, Svezia, Inghilterra e Italia

b.c. • 02 maggio 2014 12:02

Il Gal Cilento Regeneratio, nei giorni 29 e 30 aprile, ha partecipato all’assemblea della partnership per il progetto di cooperazione internazionale ‘European Country Inn - Tourism Development in Rural areas’ che si è tenuta a Bari, organizzata dal Gal Meridaunia, capofila del progetto. L’incontro ha avuto l’obiettivo di pianificare le attività e gli eventi che daranno vita al progetto sostenuto da Gal italiani e stranieri, finanziato dalla misura 421 dell’asse IV dei piani di sviluppo rurale di Puglia, Campania, Abruzzo, Svezia ed  Inghilterra. Nell’incontro, a cui hanno partecipato Luca Cerretani, coordinatore Gal Cilento Regeneratio ed Claudio Aprea, consulente per la cooperazione, si è discusso della pianificazione di eventi che si terranno a Londra, Bruxelles, Zurigo, nei quali il tema centrale sarà il ‘cooking show’.

Si tratterà di eventi ad hoc di promozione territoriale che porteranno sul palcoscenico internazionale, in location suggestive, i prodotti ed i piatti tipici locali con l’idea di condividere il convivio, rievocando la suggestione delle località di provenienza. Dunque, il Gal Cilento Regeneratio, unico rappresentante della Campania, con  7 Gal pugliesi, uno abruzzese, insieme ad un Gal inglese e ad uno svedese, coopera nel  progetto che vedrà la realizzazione in Europa di una serie di show-room del territorio rurale (prodotti tipici e turismo), caratterizzati da un marchio di tipicità ed immagine coordinata, improntati sul modello della ‘Locanda’. I punti vendita, tramite l’attivazione di opportuni servizi di valorizzazione delle realtà locali, entreranno in una rete internazionale di locande caratterizzate da un unico marchio europeo. L'obiettivo generale è la promozione del territorio rurale, inteso come insieme di prodotti e di offerte, attraverso la capacità di posizionarsi sui mercati globali, valorizzando la propria specificità e la capacità di implementare politiche di rete. 

©Riproduzione riservata
Twitter @BiagioCafaro

Condividi