Condividi

Venti di pace, incontri per gli studenti tra gli scavi di Paestum e il comprensorio militare di Persano

Redazione • 03 maggio 2018 18:54

Visite guidate agli scavi di Paestum e alla Casina Reale di Persano, ma anche conferenze e incontri con personalità impegnate per la promozione della cultura e della pace. E’ la prima edizione di “Venti di Pace”, evento collaterale al Premio Internazionale Nassiriya per la Pace, organizzato dall’associazione culturale Elaia in sinergia con il Comune di Celle di Bulgheria e con la collaborazione del Parco Nazionale del Cilento, dell’Esercito Italiano e del Parco Archeologico di Paestum. Saranno oltre 70 gli studenti di Celle di Bulgheria che questa mattina (giovedì 3 maggio) hanno visitato gli scavi e il museo archeologico di Paestum. Sono stati accolti dal senatore Alfonso Andria, componente del direttivo del Parco Archeologico, e dal direttore Gabriel Zuchtriegel.

Entrambi hanno ricevuto in seduta straordinaria il premio internazionale “Nassiriya per la Cultura”. Nel pomeriggio gli studenti, accompagnati da una nutrita delegazione di docenti e autorità, si sono trasferiti nel Comprensorio Militare di Persano dove hanno visitato, accompagnati dal colonnello Stefano Capriglione, la suggestiva Casina Reale. Al termine della visita si è tenuta la cerimonia di consegna del Premio “Nassiriya per la Pace”. Riconoscimenti per il comandante Capriglione, per il capitano della Guardia di Finanza Francesco Venditti, per il 1° Caporal Maggiore Giuseppe Guida e per la cantante Fidia Costantino. Interventi del sindaco di Eboli Massimo Cariello, il sindaco di Celle Gino Marotta, il consigliere provinciale Carmelo Stanziola, il presidente del Parco Nazionale del Cilento Tommaso Pellegrino, il presidente della Comunità del Parco Salvatore Iannuzzi e il presidente del Premio Vincenzo Rubano. «Si tratta di un’ iniziativa importante – ha spiegato il sindaco Gino Marotta – che mette al centro dell’attenzione i nostri ragazzi che, oltre a visitare dei luoghi straordinari, hanno la possibilità di ascoltare la testimonianza di uomini impegnati quotidianamente per la pace, per la legalità e per la cultura».

©Riproduzione riservata

Condividi