Condividi

Licusati, un'estemporanea di pittura in memoria dell'artista Carmine Caputo

Rosanna Caiazzo • 08 agosto 2018 17:11

Baudelaire definisce l'arte un “ardente singhiozzo”, che di era in era va a morire ai piedi dell'eternità: consente all'uomo di raggiungere l'assoluto, ma continua a ricordargli di essere vivo, finito e, pertanto, desideroso di continui sprazzi di bellezza. È risveglio di sensi, irretiti – troppo spesso – da emozioni di superficie.
L'estemporanea di pittura, organizzata dall'architetto Innocenzo Bortone e dalla dottoressa Anna Maria Bortone, in memoria dell'artista Carmine Caputo, avrà luogo nei giorni 11 e 12 Agosto, presso la piazza cittadina, intitolata al patrono S. Marco Evangelista, a Licusati. La nuova edizione, avente la leggenda del nocchiero Palinuro e della ninfa Kamaraton come tema, apre – quest'anno - le porte alla sezione fumetti, i quali possono esser votati dalla giuria popolare online, sulla pagina web dell'evento, fino al 10 agosto; nel tentativo di educare alla bellezza e avvicinare i più giovani all'arte, l'estemporanea è aperta anche ai bambini dai 5 ai 12 anni e ai giovani dai 13 ai 17 anni. Per gli adulti sono previsti premi in denaro, per i ragazzi cassette di colori Maimeri (sponsor tecnico) e per i più piccoli medaglie e attestati di partecipazione.

Il 12 agosto, alle ore 21.00, in seguito alla premiazione delle quattro opere vincitrici della sezione senior, avrà inizio – presentato dalla dottoressa Soraida Del Duca - il convegno “Sbullonarti”, volto alla sensibilizzazione e all'arte di smontare il bullismo: se si vivesse con maggiore consapevolezza, si potrebbe riconoscere quanta sensibilità e delicatezza, quante attese e speranze ferite, anelanti ad essere sanate, sono presenti in chi sta male e vive le proprie fragilità come un limite. Sarà presentato il libro “Ci vediamo all'inferno” della studentessa e scrittrice Arianna Nese; con la moderazione della professoressa Maria Teresa Grimaldi e gli intermezzi musicali dell'oboista e sacerdote Don Antonio Toriello, interverranno al dibattito il medico e scrittore Pasquale Carelli, l'avvocato, senatore e presidente della Fondazione Grande Lucania Onlus (sponsor della manifestazione) Francesco Castiello, il consigliere della Regione Campagnia, Maria Ricchiuti, l'avvocato e docente presso l'Università di Roma “La Sapienza” Antonio Calicchio, l'esperta in violenze di genere e sui minori Monia Monzo, la psicologa e psicoterapeuta Serena Grazia Lucibello. Che la manifestazione sia intuizione dell'indicibile e consenta di fare il pieno di speranze e volti.

©Riproduzione riservata

Condividi