Condividi

Parco del Cilento, reati ambientali: 9 nei guai

Redazione • 09 ottobre 2018 09:50

I carabinieri della compagnia di Sala Consilina, guidati dal capitano Davide Acquaviva, hanno partecipato alla campagna di controllo in materia di rifiuti disposta dal comando generale dell’Arma dei carabinieri, attraverso diffusi e sistematici accessi ispettivi e di controllo del territorio in tutto il Vallo di Diano e negli Alburni. I carabinieri delle caserme valdianesi, costantemente impegnate nell’ambito delle attività di monitoraggio della tutela dell’ambiente hanno provveduto a controllare oltre 60 siti, denunciare 9 persone per reati ambientali (attività di deposito, raccolta e trasporto di rifiuti, anche speciali, senza le previste autorizzazioni), elevare 15 sanzioni amministrative per circa 20 mila euro.

I risultati conseguiti hanno permesso di sottoporre a sequestro a Teggiano un’area di un’officina meccanica, utilizzata come deposito incontrollato di oli esausti e parti meccaniche; a Padula è stato sequestrato un autocarro, di proprietà di un imprenditore dell’hinterland napoletano, abbandonato in un terreno comunale; a Montesano sulla Marcellana, sono stati sottoposti a sequestro due autocarri utilizzati per attività non autorizzata per il trasporto dei rifiuti. Ulteriori controlli sono stati effettuati ed elevate sanzioni amministrative nei Comuni di Sala Consilina, Caggiano, Auletta, Pertosa e Petina. Nel corso delle attività sono state sequestrate aree per circa 1kmq e circa 200 metri cubi di rifiuti.

©Riproduzione riservata

Condividi