Condividi

Studenti e docenti dalla St. Johns University alla scoperta delle relazioni umane nel piccolo borgo di Morigerati

Redazione • 09 ottobre 2018 19:41

A cinque mesi dal Cilento Day, che ha portato a New York le peculiarità del Cilento attraverso un evento dedicato al territorio nella prestigiosa sede della St Johns University, nell’ambito del Forum ICSB / ONU, nei giorni scorsi una delegazione cilentana ha avuto l’opportunità di mostrare da vicino le bellezze del Parco nazionale del Cilento e condividere le eccellenze enogastronomiche con un gruppo di docenti e studenti. L’occasione è stata data dalla Prima Global Conference organizzata dall’Università di Salerno su “Social Innovation and Humane Entrepreneurship”.

Una delegazione di docenti e studenti, coordinati dal prof. Basilio Monteiro della St John’s University, provenienti da India, Africa e Europa, e di studenti dell’Università di Salerno coordinati dal prof. Roberto Parente (LISA Lab) e dalla professoressa Bice della Piana (3C Lab), ha partecipato alla Prima scuola sulla Humane Entrepreneurship che si è svolta tra Salerno e Ravello. La pre conference si è svolta a Morigerati dall’1 al 3 ottobre, per scoprire la cultura del Sud Italia, e le relazioni umane in un piccolo paese conosciuto oltre i confini nazionali. Tra le visite del territorio ed esperienze che hanno fatto gli studenti americani, c’è stato anche l'incontro con la manualità delle massaie che lavorano la pasta per fare i fusilli e i cavatelli. Un evento realizzato con il supporto della Fondazione Grande Lucania e con il generoso contributo della Comunità di Morigerati, che attraverso brevi seminari, visite a piccole imprese locali ed escursioni nello splendido territorio cilentano, ha coinvolto profondamente gli ospiti italiani e stranieri.

«Un importante momento di condivisione e scambio culturale con gli abitanti del posto e le nostre realtà imprenditoriali - ha commentato il sindaco Cono D’Elia che ha partecipato fin dall’inizio all’organizzazione - che alimenta ulteriormente il nostro rapporto con il Forum ICSB, che abbiamo iniziato a maggio. Speriamo di proseguire in questa prospettiva per avere negli anni la presenza costante di giovani studenti americani nel nostro territorio e nel nostro comune». «Prosegue l’impegno dell’Università di Salerno nel supportare le forze sociali ed imprenditoriali che sul territorio si promuovono modelli di sviluppo rispettosi dell’ambiente naturale e dei valori espressi dalle comunità locali. - ha commentato il Prof. Roberto Parente dell’Università di Salerno - La collaborazione con la St. John’s University e con altre Università americane continuerà e spero che già dall’anno prossimo si possa replicare questa bellissima iniziativa».

©Riproduzione riservata

Condividi