Condividi

Carnevale del Cilento, sfilate di carri e maschere a Palinuro e Marina di Camerota

M.V. • 13 aprile 2018 21:11

Se è vero che a Carnevale ogni scherzo, è vero anche che non c'è stagione che tenga se lo spettacolo è garantito. Nel Cilento, infatti, la grande festa di danza e colori si svolge in Primavera e non come in ogni parte d'Italia. L'ormai famoso Carnevale che ogni anno colora Palinuro e Marina di Camerota, è pronto ad andare nuovamente in scena con sorprese e nuovi carri e maschere. La festa prende il via sabato pomeriggio alle 16:00 a Palinuro con la sfilata dei carri per le vie del paese. Stesso orario domenica, quando la festa si sposterà nella vicina Marina di Camerota. 

La giuria dovrà scegliere carri e maschere provenienti da Marina di Camerota, Lentiscosa, Palinuro, Scario e Sapri. Ad organizzare l'evento, che cresce ogni anno, sono le associazioni 'Eso Es Palinuro' e 'Marina 3000', con il patrocinio dei Comuni di Centola e Camerota. Cinque i carri allegorici che partecipano: Palinuro e San Severino con "The magic circus", Lentiscosa con "La maschera veneziana e il suo mistero", Sapri con "I Flintstones", Scario con "Far West" e Marina di Camerota con "Follie di favole marinare". Fuori gara Camerota con "La Francia", Stio e Agropoli che sfileranno nei due comuni cilentani. Per gli organizzatori sarà una quinta edizione da non perdere. Il ringraziamento arriva dall'assessore al Turismo del Comune di Centola, Angela Ciccarini. «Voglio innanzitutto complimentarmi con i tanti ragazzi che non con poche difficoltà stanno portando avanti un evento davvero interessante. - commenta - Un evento che dimostra come la sinergia sia fondamentale per lo sviluppo di un territorio che oggi più che mai ha bisogno di andare in un'unica direzione per il bene comune. Come amministrazione - conclude - abbiamo cercato, per quanto possibile, di supportare i ragazzi in questa iniziativa che mi auguro davvero possa crescere sempre di più ogni anno e diventare un appuntamento fisso di gioia, colori e divertimento per tutti».

©Riproduzione riservata



Condividi