Condividi

Per Campania, ecco i bandi per rafforzare le aziende agricole e favorire i giovani

Redazione • 14 settembre 2016 15:04

Pubblicato il decreto dirigenziale che adotta i bandi del Psr Campania 2014-2020 che in particolare finanziano gli investimenti produttivi delle aziende agricole che rimuovono gli elementi di debolezza strutturale, gli investimenti che favoriscono il ricambio generazionale nelle aziende agricole e l’inserimento di giovani agricoltori qualificati e i premi in denaro ai giovani agricoltori che per la prima volta si insediano come capo azienda agricola. «Con questi bandi - dichiara il consigliere del presidente De Luca all’Agricoltura, Foreste, Caccia e Pesca, Franco Alfieri - entriamo nel cuore pulsante del Psr. Offriamo un sostegno alle aziende che investono per rafforzarsi sul mercato e a coloro, con meno di 40 anni, che decidono che il proprio futuro è nell’agricoltura. Infine, sono previsti contributi a favore delle imprese agricole del Beneventano duramente colpite dall’eccezionale ondata di maltempo nello scorso autunno. I bandi, rivisti sulla base delle osservazioni pervenute dalle associazioni di categoria - conclude Alfieri - saranno presentati nel corso di un road show che toccherà le cinque province e teso, soprattutto, a far emergere le istanze e i bisogni dei territori in vista della revisione del Programma». Il termine per la presentazione delle domande è di 60 giorni dalla data di pubblicazione sul BURC del decreto dirigenziale n. 46/2016.

«Le imprese possono finalmente tirare un primo sospiro di sollievo. - commenta Agrinsieme campania - Riteniamo che questo sia un primo segnale importante, al quale possa seguire la celere pubblicazione degli altri bandi ed in particolare quello delle misure riguardanti lo sviluppo dell'intera filiera dell'Agroalimentare campano. Riteniamo, inoltre, importante la scelta della Regione di intervenire a sostegno di quei giovani che hanno già avviato imprese rivedendo però i tempi di insediamento troppo brevi data la lunga pausa. Massima importanza poi all’avvio della revisione del Piano di Sviluppo Rurale, nei termini imposti dall’Unione Europea. Ribadiamo la nostra piena disponibilità a collaborare per la creazione di un Tavolo permanente di concertazione all’interno del quale vagliare con le istituzioni e le altre parti sociali le modifiche da apportare».

Per ulteriori informazioni sui bandi è possibile consultare il portale www.agricoltura.regione.campania.it

 

©Riproduzione riservata

Condividi