Condividi

BCC Cilento e Lucania sud: presentato il bilancio 2011

Massimo Ruggiero • 20 maggio 2012 17:50

L’anno 2011 è stato un anno molto particolare per la Banca del Cilento.

E’ stato l’anno del cambio al vertice con la nomina a presidente di Francesco Castiello che ha rimpiazzato dopo oltre venti anni di presidenza Francesco Chirico, ma è stato, soprattutto, l’anno dell’approvazione da parte dei soci del progetto di fusione per incorporazione della BCC Lucania Sud che ha portato, dal primo gennaio 2012, alla nascita della nuova banca denominata Banca del Cilento e Lucania Sud.

Nell’assemblea ordinaria, tenutasi sabato 19 maggio presso i padiglioni dell’Ente Fiere di Vallo davanti a circa 700 soci, i vertici dell’istituto hanno illustrato i risultati dell’esercizio 2011 manifestando, nel contempo, grande soddisfazione per come l’integrazione tra i due istituti di credito non solo ha portato ad una crescita della banca in termini di volumi e patrimonio ma ha fatto si che la banca del Cilento e Lucania Sud diventasse, a seguito della fusione, la BCC più grande dell’Italia Meridionale.

Ad oggi l’operatività della banca si svolge su una rete di 17 tra sedi distaccate e filiali con competenza territoriale nelle province di Salerno, Potenza, Cosenza e Matera; a breve è prevista l’apertura di una nuova filiale a Tortora in provincia di Cosenza.

Negli interventi del presidente Castiello e del direttore generale Ciro Solimeno è stato più volte rimarcato come nell’anno 2011, nonostante la crisi del sistema bancario nazionale e mondiale, la Banca del Cilento ha continuato la sua crescita aumentando la raccolta e, soprattutto, aumentando gli impieghi verso la clientela del 18% a fronte di una media nazionale del 3%.

Questo dato testimonia la grande attenzione verso la propria clientela e verso i soci dell’istituto che, in un periodo in cui molte banche hanno chiuso i rubinetti del credito, attestano come la Banca del Cilento ha continuato a sostenere l’economia di tante famiglie e tante imprese.

Molti soci intervenuti all’assemblea dal palco hanno più volte sottolineato questa informazione a testimonianza dell’importanza che la banca ha ormai nel tessuto sociale ed economico di tutto il territorio.

Grande risalto è stato dato, soprattutto dal presidente Castiello, al bilancio sociale della banca che ha visto l’istituto sostenere numerose iniziative benefiche oltre a dare il proprio contributo a innumerevoli eventi di carattere culturale.

Condividi