Condividi

Centenari del Cilento, all'open day dell'Ancel Keys di Centola si parla di tradizioni a tavola

Marianna Vallone • 23 gennaio 2018 16:11

Nella scuola alberghiera di Foria di Centola che porta il nome di Ancel Keys, padre della Dieta mediterranea, l'open day non poteva non essere dedicato al segreto di lunga vita. Mentre si cerca una 'verità' scentifica sull'alta concentrazione di centenari nel Cilento, nella sede distaccata dell'Istituto Ancel Keys di Foria di Centola esperti e docenti sono scesi in campo per raccontare agli studenti presenti e futuri quanto si può fare e quanto è stato fatto a scuola. 

Tornare all'agricoltura, portare in tavola le ricette della tradizione e seguire lo stile di vita dei nonni. E' il tema di cui si è discusso domenica scorsa, nel corso del convegno dal titolo 'Recupero delle tradizioni agro culinari cilentane'. Un open day in vista delle iscrizioni scolastiche dell'anno 2018-2019 che si chiuderanno il 6 febbraio. In programma al mattino alle 9:30 la presentazione della scuola con la preparazione del piatto della centenaria, poi un buffet con degustazione di piatti a chilometro zero preparati dagli alunni. Il clou della giornata si è svolto con il convegno sul recupero delle tradizioni agro-culinarie cilentane, nel corso del quale gli esperti hanno parlato di Dieta mediterranea, di recupero delle tradizioni, di longevità. Hanno partecipato il dirigente scolastico Maria Masella, il sindaco Carmelo Stanziola e l'esperto in Dieta med Giaquinto Michele che ha sottolineato l'importanza di ritornare all'agricoltura a km zero, riprendere le ricette della tradizione, riportarle in tavola, e imparare a mangiare secondo i canoni della dieta mediterranea.

Il professor Luca de Franciscis ha illustrato il lavoro svolto sul piatto della centenaria, i valori nutrizionali e l'importanza di avere un tenore di vita attivo. Gli alunni della seconda superiore di Foria hanno messo in risalto progetti della loro scuola e l'importanza di essere coesi affinché la scuola possa crescere.

Punti di forza della succursale e obiettivi sono stati invece gli argomenti snocciolati dalla dirigente, sottolineando «l'importanza di una professionalizzazione delle prossime generazioni, soprattutto in un territorio a vocazione turistica». Ha inoltre spiegato «le iniziative della scuola, i gemellaggi e gli stage in Giappone, alle Mauritius, alle Canarie», oltre «alle offerte formative dell’istituto, all’importanza di iscriversi e scegliere la scuola di Foria, che oltre all'Alberghiero propone anche altri indirizzi quale, l’agrario e l’artistico». 

Reduce da un importante progetto a Bruxelles in Commissione Europea, la biologa Maria Di Vece, relatrice al convegno, ha parlato di longevità e tradizione mettendo a confronto il patrimonio genetico ereditato dagli avi, le tradizioni e lo stile di vita che caratterizza i cilentani, raccontando qual è il segreto del vivere sano e a lungo. La Di Vece nel suo giovane ma ricco curriculum vanta già l'aver creato e brevettato con il suo team a Trieste, in qualità di Project Manager, un nutraceutico a base di siero proteine, un prodotto che aiuta i pazienti affetti da patologie neurodegenerative, grazie al quale nel 2014 ha vinto la Start Cup Fvg. 

La biologa ha deciso di dare il suo contributo per sostenere l'Ancel Keys di Foria, con un concorso culinario per ricercare una ricetta dalla tradizione cilentana, ricrearla con gli stessi ingredienti e raccontarla con mezzi di comunicazione creativi e multimediali. La migliore ricetta realizzata dai ragazzi dell'Ancel Keys sarà pubblicata sul suo prossimo libro dedicato all'elisir di lunga vita. Un impegno nel sollecitare i genitori ad iscrivere i propri figli alla filiale di Foria per far sì che la scuola cresca e non rischi la chiusura per mancanza di iscrizioni. Non solo. Insieme alla sorella Veronica, con l’azienda di famiglia, l'agri-ristorante-pizzeria Il Poggio del Cardinale, ha messo in palio cinque borse di studio come contributo al trasporto, per gli studenti che si iscriveranno alla prima della filiale di Foria nell’anno 2018/2019.

©Riproduzione riservata

Condividi