Condividi

Nuove geografie del suono: a Caselle in Pittari la presentazione del libro di Leandro Pisano

Redazione • 23 marzo 2018 10:09

È possibile indagare le trasformazioni dei paesaggi, dei territori ed i cambiamenti in atto nelle geografie politiche e culturali del mondo contemporaneo, attraverso le pratiche dell’ascolto? È intorno a questo interrogativo che si costruisce l’analisi sviluppata da 'Nuove geografie del suono' (Meltemi, pagg. 196), esordio letterario di Leandro Pisano, curatore e ricercatore già noto in ambito internazionale per i suoi progetti legati alle nuove tecnologie, al suono ed ai territori rurali (Interferenze new arts festival, Liminaria).

Si tratta di un testo che elabora una serie di temi di stringente attualità, a partire dall’ecologia politica fino alla critica tecno-culturale, attraverso una prospettiva, quella degli studi sul suono, che sempre più sta acquistando rilevanza e spazio non solo nell’arte contemporanea, ma anche all’interno del dominio delle scienze umane e sociali.

Le aree rurali, i luoghi abbandonati, gli ambienti di confine diventano in questa trattazione spazi estetici inusitati, attraversati dal suono e dalle pratiche artistiche ad esso legate come dispositivi di indagine. È una narrazione che connette territori e geografie a diverse latitudini: dal deserto di Atacama in Cile alle aree rurali dell’Irpinia e del Sannio beneventano, dal Messico al Pakistan, dal Marocco ai borghi abbandonati in Sicilia, mettendo via via in questione i concetti di comunità, identità, cartografia, antropocentrismo, universalismo.

Questo libro offre spunti inediti, sconfinando in territori poco esplorati nel panorama degli studi italiani, aprendo la ricerca sul suono ad esiti che lo collocano al di fuori di una prospettiva puramente musicologica, ma anche in dialogo con essa, in tensione verso nuovi possibili scenari di indagine.

In un contesto in cui si incrociano i contributi significativi di diverse discipline ed approcci, l’autore ci invita a riscoprire, “così la possibilità non solo di abitare i luoghi, ma anche, una volta di più, di immaginarli e costruirli rendendoli ambienti complessi e riecheggianti. Facendo esperienza del pensiero, in ultima analisi, come un’infinita risonanza.”

Il volume verrà presentato a Caselle in Pittari presso Jepis Bottega sabato 7 aprile alle 17:00, nel corso di un incontro in cui l’autore dialogherà con Giuseppe Jepis Rivello, Antonio Pellegrino, presidente della Cooperativa Terra di Resilienza, Liviano Mariella, fondatore del progetto Transluoghi, Beatrice Ferrara e Cristiana Ciarmoli, del team del progetto Liminaria

La presentazione sarà intervallata da una sessione di ascolto, curata da Luca Buoninfante artista sonoro, in cui saranno presentati e discussi materiali sonori del progetto Liminaria, realizzati in questi anni nell’area rurale del Fortore beneventano, costruendo un dialogo tra suono e scrittura con alcuni temi del libro.

©Riproduzione riservata

Condividi