Condividi

Vallo della Lucania, entra la Sarim e i cittadini risparmiano sulla tassa dei rifiuti

Redazione • 31 marzo 2018 11:45

Nella seduta appena terminata il Consiglio Comunale ha approvato il Piano Finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani e le tariffe della tassa sui rifiuti (TARI) per l’anno 2018.Scende il costo complessivo passando da 1,8 milioni a 1,6 milioni con un decremento pari a 154.000 euro, derivante dagli esiti della gara che ha visto il subentro del nuovo gestore unico (ATI: S.A.R.I.M. S.r.l. – NAPPI SUD S.r.l.). Il Sindaco Aloia esprime soddisfazione per il risultato: «Il risparmio è destinato alla generale riduzione delle tariffe della tassa sui rifiuti (TARI) per l’anno 2018 in favore dell’intera platea dei contribuenti (utenze domestiche e  utenze non domestiche). In controtendenza rispetto agli altri Comuni d’Italia, il nostro Comune è riuscito a ridurre le tariffe della tassa sui rifiuti (TARI): per tutti  i cittadini vallesi sono attesi significativi risparmi per una percentuale media del 10 per cento».

Il capogruppo di maggioranza Celestino Sansone sottolinea: «L’amministrazione ha voluto indirizzare il contenimento della tassa soprattutto verso le fasce più deboli e disagiate della popolazione tanto che, in alcuni casi, la tassa è ridotta anche di 75 euro all’anno per nucleo familiare.Il risultato ottenuto assume ancora maggiore valenza se si considera che il costo effettivo sostenuto dal Comune è di gran lunga inferiore al costo standard fissato dall’apposita procedura stabilita dal Ministero dell’Economia e delle Finanze. Il Consigliere delegato all’Ambiente Piero Matonte evidenzia: “la riduzione dei costi e della tassa si accompagna al mantenimento dei livelli occupazionali e al miglioramento generalizzato del servizio di raccolta dei rifiuti e di pulizia della Città».

©Riproduzione riservata

Condividi