Condividi

Celle di Bulgheria, la sfida di ciclismo estremo di Nicola Mazzeo in favore di 'Io Save the children'

Lucia Cariello • 31 maggio 2016 17:30

Si è conclusa alle 5:40 di domenica 28 maggio, con il rientro a Celle di Bulgheria, la sfida di ciclismo estremo di Nicola Mazzeo del “Bike Team Solo per Passione”. Una sfida promossa per la raccolta fondi in favore del programma 'Io Save the children' che si occupa di persone meno fortunate sia in Italia che all’estero e per le quali potrete fare qualcosa versando un’offerta fino al  5 giugno contattando l’Associazione. La sfida ha preso il via, dopo un’attenta pianificazione di varie settimane, dalla sede della giovane associazione ciclistica di Celle di Bulgheria all’alba di sabato.

A far compagnia a Nicola oltre che il supporto logistico del presidente Raffaele Carelli alla guida dell’ammiraglia c’era un vero amante del ciclismo e del territorio cilentano  Christian Vigneri della squadra Globo Surf che ha percorso i primi 250 chilometri di quest’avventura. Protagonista nella giornata di sabato, il percorso previsto all’interno del Parco del Cilento. Infatti dopo la partenza da Celle la sfida è proseguita puntando al Vallo di Diano attraverso la splendida salita che conduce al Passo del Corticato puntando, poi, verso il mare passando per Paestum e percorrendo la strada costiera fino a Palinuro. Dopo la chiusura del giro del Cilento non è mancata una piccola sosta, di nuovo, a Celle di Bulgheria, dove i gli amici e familiari di Nicola non hanno fatto mancare il loro supporto, per poi proseguire con la discesa a Sapri.

E’ nella serata, poi, che avviene lo sconfinamento in Basilicata passando sul canale di Mezzanotte. Il tratto vallonato ha portato velocemente il ciclista verso la Calabria passando per Praia a Mare, città di tappa del Giro d’Italia appena concluso che ha visto trionfare Vincenzo Nibali. Nella serata, inoltre, la gamba continua a girare ottimamente e a San Nicola Arcella si giunge dopo aver percorso 315 km. E’ a notte inoltrata che si arriva a Sapri, intorno alle 4:00, ma è a Roccagloriosa che si effettua l’ultima salita di giornata che conduce a Torre Orsaia segnando, così, la fine delle fatiche ed il rientro a Celle.

Alcuni numeri che rendono l’idea di cosa sia stata quest’avventura sono i seguenti: 410 chilometri pedalati, 5100 mt dislivello positivo, 3 regioni attraversate (Campania, Basilicata e Calabria), 40 paesi attraversati di cui 27 Parco nazionale del Cilento, Vallo di Diano ed Alburni  

Condividi