Condividi

Agriturismi, Coldiretti Salerno promuove il Cilento: «Adesso brand e sistema di prenotazione unico»

Lui. Mar. • 30 marzo 2017 12:48

Promossi gli agriturismi del Cilento, per accoglienza, cibo e posizione. In cima alle preferenze, inglesi, italiani e svizzeri. A rivelarlo è la Coldiretti Salerno che sta lavorando a un progetto organico di promozione territoriale per rafforzare il sistema soprattutto sui mercati esteri, particolarmente interessati all’ospitalità rurale nel Cilento. Secondo i dati Travel Appeal, nel 2016, l’86,8% dei turisti che ha soggiornato nel Cilento ha espresso «sentiment» positivo. I punti di forza restano accoglienza (93,1% sentiment positivo), posizione (92,7%) e cibo (85,5%). Cibo, camere e servizi sono le punte di diamante dell’offerta extralberghiera. Considerando i Paesi dai quali proviene il maggior numero di recensioni, gli ospiti più soddisfatti risultano gli inglesi (86,2%), seguiti dagli italiani (85,9%), svizzeri (82,4%) e francesi (81,7%).

«Adesso è necessario promuovere un marchio unico e un sistema di prenotazione che metta insieme tutte le camere disponibili del territorio – sottolinea il presidente di Coldiretti Salerno, Vittorio Sangiorgio - per rafforzare la presenza sui mercati stranieri degli agriturismi campani. Bisogna costruire un’offerta che superi l’individualismo, rafforzando il brand del turismo rurale, pianificando strategie comuni di marketing. Le aziende associate Terranostra avranno la possibilità di pianificare iniziative competitive anche in un’ottica di destagionalizzazione. In provincia di Salerno abbiamo il più alto numero di agriturismi della Campania – sottolinea Sangiorgio - ma i margini di crescita sono ancora molto alti. Siamo una meta turistica molto ambita e con il maggior numero di siti Unesco e di prodotti Dop e Igp. Abbiamo l'occasione di concretizzare questi nostri primati, con ulteriori vantaggi anche i prodotti agricoli e agroalimentari. Lavoriamo a valorizzare il brand attraverso un progetto organico di promozione, facendo anche ordine nell'offerta turistica».

©Riproduzione riservata

Condividi