Condividi

Bretella stradale Eboli - Piana del Sele, deciso consiglio comunale per dire «no a progetti non condivisi»

Redazione • 10 marzo 2018 18:28

«La Piana del Sele non sarà isolata in conseguenza della realizzazione di nuove arterie di collegamento. Le scelte possono essere condivise solo se il territorio viene coinvolto nei processi decisionali, rendendo protagonisti città e comunità». Il messaggio arriva forte dal Consiglio comunale di Eboli, dove maggioranza ed opposizione si sono ritrovate sulla stessa lunghezza d’onda della proposta del sindaco, Massimo Cariello. Il primo cittadino di Eboli ha assunto il carico della difesa dell’intero territorio, per evitare che l’area e le sue attività produttive «possano risultare penalizzate dalla bretella di collegamento turistico che dovrebbe congiungere gli svincoli autostradali con l’area cilentana».

Il consiglio comunale, questa mattina, nel bocciare una mozione presentata dal consigliere comunale di Forza Italia, Cardiello, ha invece accolto la proposta giunta dall’amministrazione comunale, attraverso l’intervento diretto del sindaco, e che guarda alla strada istituzionale ed al confronto per garantire ad Eboli ed alla Piana del Sele flussi turistici, occasioni commerciali e possibilità di scambi. Cariello ha ottenuto innanzitutto il via libera su un consiglio comunale monotematico. «Maggioranza ed opposizione hanno valutato positivamente la mia proposta - spiega il sindaco di Eboli - vista l'importanza del tema. Insieme con il presidente della commissione urbanistica e mobilità, Pierluigi Merola, chiederemo la convocazione urgente di un tavolo tecnico con la Regione Campania e l'Anas, al fine di valutare il progetto complessivamente. La nostra posizione è chiara e da sempre: nessuno deve pensare che la Piana del Sele possa essere isolata, perché difenderemo i cittadini di Eboli e del territorio e le attività produttive e commerciali.

La nota del gruppo consiliare Pd Eboli  Nel consiglio comunale di questa mattina abbiamo discusso della bretella di collegamento tra l’autostrada A2 (all’altezza dello svincolo di Contursi Terme) e Agropoli. A breve verrà bandita, per questa importante opera infrastrutturale,  la gara per la progettazione. Bisogna evitare a tutti i costi che questa strada di collegamento veloce abbia  ricadute negative sull'economia locale, in particolare sulle tante attività imprenditoriali sorte spontaneamente lungo i tratti stradali (in primis la S.S. 18 e la S.P. 30) e che fungono da vetrina commerciale delle tante eccellenze prodotte sui territori: dalla mozzarella di bufala campana, ai carciofi, ai pomodori, alle fragole, ecc.

Proprio in virtù di ciò ci siamo fatti promotori, grazie anche all’interessamento sulla questione  dell’On.le Luca Cascone (come avevamo già fatto a Settembre del 2017 ma era prematuro allora), come gruppo consiliare PD di formalizzare una nuova richiesta di audizione urgente presso la Regione Campania dinanzi alla IV Commissione Consiliare (Trasporti, Lavori Pubblici e Urbanistica) per ricevere informazioni più dettagliate su tale opera, verificare lo stato dell’arte e conoscere quali sono le ipotesi progettuali e i progetti elaborati relativi alla bretella di collegamento tra l’autostrada A2, che parte all’altezza dello svincolo di Contursi e arriva fino a Agropoli. Alla Regione Campania poi in virtù di tale incontro chiederemo l’impegno  di  ricercare con le autonomie locali il recepimento delle osservazioni e delle eventuali  proposte di modifica alle opzioni progettuali elaborate al fine della di ottenere scelte condivise tese alla  risoluzione del problema traffico veicolare sulla S.S. 18 e sulle reti viarie secondarie. Noi tutti siamo per la risoluzione dei problemi di traffico presenti sulla S.S. 18 ma riteniamo che queste scelte debbano essere effettuate ascoltando i territori in modo da non penalizzare  oltre modo una fetta importantissima del comparto economico di Eboli e dell’intera Piana del Sele.

©Riproduzione riservata

Condividi