Condividi

C'è un cilentano nel cda dell’università di Roma Tre

Maurizio Troccoli • 04 dicembre 2017 21:28

Sogna di potere avvicinare il suo territorio, il Cilento, alle dinamiche del mondo studentesco. E’ Valentino Mazzeo, cilentano di Marina di Camerota, eletto nel consiglio di amministrazione dell’università Roma Tre, lo scorso maggio.

Le opportunità dei raduni studenteschi, l’esodo di tanti giovani che dal Cilento si allontanano per arpionare un futuro di opportunità, sono l’orizzonte ma anche la sagoma di chi, soltanto con le proprie forze, prova a compiere le prime scalate. E’ accaduto a Valentino Mazzeo che dal borgo marino cilentano è partito, come accadeva un tempo, zaino in spalla carico di sacrifici di famiglia, desiderio di riscatto e sguardo lungo. Dice sì all’impegno con l’Udu che diventa alle elezioni universitarie, la prima lista al senato accademico con 1984 voti. Quindi prima lista al nucleo di valutazione con 2149 voti e prima lista al Consiglio degli studenti, eleggendo 16 consiglieri su 48. Quanto basta a guadagnare la presidenza dell’organo. E ancora: prima, al consiglio di amministrazione, con 2101 voti. Mazzeo incassa 1259 preferenze.

Gli studenti hanno scommesso su di lui e il percorso universitario diventa per questo giovane cilentano, una prima, significativa, occasione per essere punto di riferimento e per infilare  i primi tasselli a quell'impalcatura che, in diverse altre occasioni, nella storia di molti, ha significato le premesse per una ambiziosa arrampicata. La testa però rimane al proprio posto, ventre a terra - come appreso nella laboriosità di casa - e impegno «giorno, dopo giorno», come riporta un suo slogan di candidatura. Valentino Mazzeo è coordinatore di ‘Ricomincio dagli studenti’ confederata all’Udu. Quel Cilento che troppo spesso sembra non accorgersi di quanto accade ai propri ragazzi, resta invece nel loro ‘nervo’: «Un tempo questa terra raccoglieva raduni di tanti studenti universitari che ora scelgono altre destinazioni - ha detto Mazzeo -, perché non tentare di riconquistarli?». 

©Riproduzione riservata

Condividi