Condividi

Calcio: da Cruijff a Pelè, 200 cimeli in museo itinerante. Tappa a Salerno

Redazione • 21 febbraio 2018 09:05

Dal pallone originale della prima partita internazionale mai giocata, quella tra Scozia e Inghilterra del 1872, alle maglie uniche dei campioni che hanno fatto la storia del calcio internazionale e italiano: Cruijff, Pelè, Muller, Tardelli, Buffon e tanti altri campioni. L'Aics (Associazione italiana cultura sport) porta in giro per l'Italia il Museo del Calcio Internazionale, un'esposizione itinerante che tocchera' 15 citta', da nord a sud del Paese, debuttando il 23 febbraio a Perugia in ogni tappa gratuita. Forlì, Rieti, Foggia, Padova, Cremona, Bergamo, Pisa, Firenze, Trapani, Napoli, Salerno, Vicenza, Mantova, Potenza e Ancona le altre città.

La presentazione è avvenuta stamane presso la sala stampa della Camera dei Deputati, alla presenza del commissario straordinario, Roberto Fabbricini, e del presidente dell'Aics, Bruno Molea. «Un'iniziativa che ritengo fantastica - ha spiegato Fabbricini -. Al di la delle simbologie che sono affascinanti, guardare nello sport del passato aiuta a guardare al futuro. Per saper guidare una macchina bisogna saper guardare le curve ma un occhio allo specchietto va sempre dato. Faccio i complimenti perche' ancora una volta l'Aics dimostra una mission forte: senza cultura e tradizioni non si va da nessuna parte». Sono ben 200 i cimeli unici, raccolti dai collezionisti Aldo Rossi Merighi, Luigi Carvelli e Renato Mariotti, riuniti sotto l'egida del Museo del Calcio internazionale fino alla primavera del 2019.

«Promuovere lo sport oggi è più che mai promuovere l'educazione, il rispetto per sè e per gli altri, i valori della condivisione della coesione sociale. E', in due parole, fare cultura - commenta il presidente Aics, Bruno Molea -. Se per fare cultura e' necessario diffondere il sapere anche attraverso buone pratiche di socialita', fa al caso nostro il Museo del calci internazionale».

Condividi