Condividi

«Carenze e criticità in ospedale» nella denuncia di una paziente, l'amministrazione replica

Redazione • 12 novembre 2017 17:28

L’amministrazione comunale di Roccadaspide risponde alle dichiarazioni infondate e strumentali di una signora che ha segnalato carenze strutturali presso la struttura ospedaliera. Dichiarazioni che non corrispondono al vero, come risulta dai frequenti sopralluoghi disposti dalla direzione sanitaria, secondo cui tutto è in regola, e l'ospedale continua ad eccellere non solo per la comprovata qualità delle prestazioni sanitarie e per l'umanità del personale, ma anche per la pulizia e il decoro degli ambienti.

L'amministrazione, da sempre attenta alle sorti della struttura ospedaliera, fortemente collaborativa e pronta a rispondere concretamente alle esigenze e alle richieste della struttura stessa, è prontamente intervenuta, e il sindaco Gabriele Iuliano ha compiuto un sopralluogo per verificare quanto dichiarato dall'utente, pur nella convinzione che si trattasse di dichiarazioni infondate, come ha potuto poi personalmente verificare.

Alla luce dello spiacevole accaduto, con una punta di amarezza, il direttore sanitario, Claudio Mondello, ricorda che «l’ospedale di Roccadaspide si è sempre distinto e si distingue per l’opera assistenziale che presta all'utenza continuamente e quotidianamente, e per le straordinarie qualità umane e professionali di tutti gli operatori. Si assicura in ogni caso di continuare sempre a migliorare le attività di manutenzione per assicurare ancora una volta la vicinanza a tutte le necessità mediche ed assistenziali». 

Al direttore sanitario fa eco il direttore amministrativo, Flavio Meola, che afferma che «il presidio ospedaliero di Roccadaspide è una struttura che presenta tutti i requisiti e le autorizzazioni tecniche previste dalla legge per il funzionamento delle attività sanitarie, e che sul piano tecnico è attenzionato giornalmente per la risoluzione di tutte le problematiche che si dovessero​ presentare. È chiaro che se una maniglia o una cinta sulle centinaia presenti per l’uso quotidiano non dovesse funzionare al 100% è un fatto imprevedibile ed anche normale, che chiaramente non può essere utilizzato a fini strumentali e speculativi. Tanto più che tutti gli interventi manutentivi, anche di questo tipo, vengono affrontati e risolti quotidianamente con la massima puntualità ed attenzione».

©Riproduzione riservata

Condividi