Condividi

INCHIESTAEcologisti:"Giù quell'Ecomostro"

Paolo Abbate • 06 aprile 2011 07:51

Lunedì passato, in una conferenza stampa, è stato presentato un documento dal Codacons e Italia Nostra dove si chiede ufficialmente l’abbattimento dell’ecomostro sulla Mingardina.
 Secondo la Regione, il Parco, il comune di Centola e la Comunità Montana, che lo hanno voluto e progettato, “ l’Osservatorio sulla  fauna” doveva studiare e proteggere gli stormi migratori che transitano per la via ecologica del Mingardo.
Ma non è mai entrato in funzione malgrado il flusso di denaro arrivato dalla regione e dall’Europa., anzi via via è stato sottoposto  a ripetuti atti vandalici, il cui danno ammonta a diverse decine di migliaia di euro.

A dare l’allarme furono il Codacons e la Lipu nel 2007. Infatti per le sue dimensioni, per il materiale lontano dall’ingegneria naturalistica, per il luogo diverso da quello previsto dal progetto, per il poco rispetto dell’ambiente risulta a tutti gli effetti abusivo. Pertanto la Procura di Vallo ne ha deciso il sequestro.

Nel documento, a cui è auspicabile l’adesione di numerosi cittadini ed associazioni ecologiste, oltre a richiamarsi all’art 9 della Costituzione italiana ed alla Convenzione europea sul Paesaggio (20 ott. 2000), si dichiara:
“è questa l’occasione di appoggiare la proposta della demolizione della struttura avanzata dalla  Soprintendenza. Solo così si potranno ripristinare i luoghi e si potrà ricomporre la ferita a un paesaggio unico non replicabile.”

Art 9 Costituzione italiana
La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico artistico della Nazione.

articoli correlati:

Non processi senza fine ma colpire la tasca degli abusivi con confische e ruspe

L'uomo che (non) guardava passare gli uccelli. Storia di ordinario spreco di fondi europei (Parte 1)

L'uomo che (non) guardava passare gli uccelli. Storia di ordinario spreco di fondi europei- Parte 2

L'uomo che (non) guardava passare gli uccelli. Storia di ordinario spreco di fondi europei - Parte 3

Condividi