Condividi

MEMORIAUn documentario ricorderà il grande “Ago”, il Comune di Castellabate dà il patrocinio

Luigi Martino • 14 settembre 2010 11:12

Undici metri è la distanza che separa il dischetto del rigore dalla linea di porta, una distanza che, quando a calciare era il grande “Ago”, scompariva in un baleno fino a diventare goal. Ma è anche la distanza che ha segnato la sconfitta della Roma nella finale della Coppa dei campioni della stagione ’83/’84 contro il Liverpool per gli errori dei compagni di squadra. 

In memoria del grande centrocampista romano, il Comune di Castellabate, che gli ha già intitolato una strada della “sua” San Marco, ha concesso il patrocinio per la realizzazione di un film-documentario, intitolato per l’appunto “Undici metri” e prodotto da una società romana. L’opera sarà dedicata alla vita dell’indimenticabile calciatore, che tra gli anni Settanta e Ottanta ha vestito anche le maglie del Milan, Cesena, Salernitana e Vicenza, per poi ritirarsi nel suo paese di origine, San Marco di Castellabate, dove è morto tragicamente il 30 maggio 1994 a dieci anni esatti dalla finale di Coppa dei campioni persa dai giallorossi.

Le riprese programmate dalla produzione interesseranno in maniera significativa il Comune di Castellabate, dove saranno ricostruite le vicende di vita del campione tra le strade e le persone del posto. Di qui la scelta del Comune di contribuire seppur in maniera simbolica alle ingenti spese di realizzazione.    

 «Agostino Di Bartolomei è stato un grandissimo calciatore di livello nazionale che ha diffuso il nome di Castellabate nel mondo – spiega il sindaco Costabile Maurano – Negli anni successivi alla sua carriera agonistica, inoltre, ha inciso in maniera profonda e indelebile sullo sviluppo e sulla promozione dell’attività sportiva nel nostro paese, attraverso la creazione e la gestione di una scuola calcio che ha contribuito alla creazione delle nuove generazioni. Per questi motivi riteniamo un tributo dovuto promuovere alle iniziative che rendono omaggio e mantengono viva la memoria di questo grande calciatore e nostro illustre concittadino».


 

Condividi