Condividi

Sapri, incarico alla «Soget». Opposizione attacca: «Comune affida le pecore al lupo»

L.M. • 16 settembre 2016 08:59

Il gruppo consiliare di opposizione, ‘Insieme per Sapri’, attacca la maggioranza rea, secondo i membri della minoranza, di aver affidato un servizio di riscossione «ad una società poco affidabile». «Nonostante le perplessità del gruppo di opposizione - scrive in una note ‘Insieme per Sapri’ - l’amministrazione riteneva di dover esternalizzare il servizio di ‘Accertamento e riscossione ordinaria e coattiva dell'imposta di pubblicità, diritti sulle pubbliche affissioni e Cosap’ affidandolo ad una società a dir poco “chiacchierata”. Inoltre, senza procedere preventivamente ed in proprio ad un accertamento dell’evasione dei tributi in premessa sul territorio comunale consentendo che fosse la stessa società affidataria a procedere in tal senso, visto il capitolato, si creava un danno erariale per l’Ente e un palese arricchimento indebito dell’affidataria alla quale veniva così concesso un aggio sulla riscossione del pregresso non oggetto di gara».

«Vi è da dire - continuano i membri della minoranza - che le modalità di accertamento e riscossione utilizzate dalla ditta in questione hanno creato in città, come su tutto il territorio nazionale, disagi e lamentele sfociati anche in provvedimenti giudiziari di condanna (Cass. Civile SSUU n. 24468/2013; Tar Puglia e Consiglio di Stato, Commissioni Tributarie) e di indagini giudiziarie (Tribunale di Nocera, Tribunale di Pescara, ecc.) tanto da far parlare alcuni giornalisti nazionali di “metodo Soget”. Alla luce di quanto sopra appare perlomeno sorprendente l’ammissione alla gara di una impresa alla quale solo poco più di un anno prima sembra sia stato inibita dalla A.G. la possibilità, per un anno, di stipulare contratti con la PA e appare altrettanto sorprendente che la stessa “tiranneggi” impunemente cittadini e commercianti nel nostro comune impegnando nelle operazioni anche personale comunale. Appare a nostro avviso sempre più evidente, in ossequio ai dettami della tanto sbandierata trasparenza e buongoverno, che l’Ente Comune alla luce delle brevi considerazioni su esposte debba riflettere sulla liceità dei bandi di gara e delle relative aggiudicazioni».

La Soget si è aggiudicato il servizio di riscossione tributi per tre anni: dal primo gennaio 2016 al 31 dicembre 2018. «Sarebbe gradita una risposta del sindaco. Nel frattempo noi - conclude il gruppo ‘Insieme per Sapri’ - convinti che come al solito questa non arriverà, inoltriamo per le determinazioni del caso la presente alle autorità giudiziarie competenti».

©Riproduzione riservata

Condividi