Condividi

Trasporti, De Luca: «Cilento-autostrada, presto nuovo collegamento»

Redazione • 27 maggio 2018 21:24

«Credo che oggi la Campania abbia il più vasto programma di investimenti nelle infrastrutture di tutta l'Italia, più della Lombardia: 6 miliardi di euro». A dirlo è il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, presentando gli Stati generali dei Trasporti, iniziativa organizzata dalla Regione Campania, in corso a Napoli."Abbiamo ereditato una situazione pesante. Nel 2015 - ha ricordato il presidente della Regione - avevamo 600 milioni di euro di debiti per l'Eav. Oggi, abbiamo risanato il debito e riaperto 14 cantieri. Abbiamo ripianato il debito con Ferrovie dello Stato per 150 milioni di euro e avviato il piano di acquisti massicci di pullman e dei treni nuovi. Abbiamo gia' in produzione 100 pullman e, alla fine di questi due anni, arriveremo a 800 pullman e un centinaio di treni nuovi».

L'ex sindaco di Salerno ha ricordato l'impegno della Regione «per la città di Napoli, a cui abbiamo destinato 1,3 milioni di euro per completare le linee 1 e 6 della metropolitana e chiudere l'anello». Tra gli investimenti piu' importanti, il governatore ricorda quelli messi in campo «per la viabilità, destinando centinaia di milioni alle province che non hanno più un euro e avviando il completamento della Leoni - Grottaminarda. Tra gli interventi strategici ricordiamo il collegamento tra l'A1 e il litorale domitio, tra il Cilento e l'autostrada per collegarlo con l'Adriatico. Abbiamo varato un programma per la portualita' minore che sara' pubblicato la prossima settimana e trovato finanziamenti per il porto di Capri che era congestionato».Per il turismo, la Regione si è impegnata a sostegno dei visitatori diretti verso i beni archeologici «con il treno che collega Napoli a Pompei Ercolano e Paestum» e siti d'interesse religioso o enogastronomico «come i treni storici sulla Lione - Grottaminarda». «È un lavoro immane - cha commentato De Luca - e di cui dobbiamo essere orgogliosi perche' abbiamo fatto davvero una rivoluzione nel trasporto pubblico»

Condividi