Vallo della Lucania, processo Mastrogiovanni: sentiti i testi degli imputati

Infante viaggi

Si è tenuta martedì alle 14:00 la nuova udienza del processo Mastrogiovanni che vede imputati 6 medici e 12 infermieri per la morte del maestro elementare di Castelnuovo Cilento avvenuta la notte del 4 agosto 2009 nel reparto psichiatrico dell’ospedale di Vallo della Lucania.

In questa nuova udienza è stato completato l’esame dei testi della difesa, così come stabilito nell’incontro del 17 gennaio. Elisabetta Garzo, presidente del tribunale, in quell’occasione ha infatti disposto che entro la fine di gennaio si sarebbero dovuti sentire tutti i testi della difesa degli imputati per la necessità che il processo vada avanti.

Sono stati ascoltati 12 testi: alcuni avvocati hanno però rinunciato ad ascoltare i testi indicati dalla difesa.

I testi avrebbero sottolineato che il paziente, durante la pratica della contenzione, doveva essere controllato e sciolto ogni 15-20 minuti, così come stabilito dalla legge. I video di sorveglianza del reparto psichiatrico di Vallo mostrano però che questo non è avvenuto e che Franco Mastrogiovanni sia rimasto legato mani e civiglie ad un letto di contenzione per oltre 80 ore ininterrottamente.

Intanto, il presidente del tribunale, Elisabetta Garzo, ha regolarizzato un calendario per le udienze. La prossima data è prevista per il 14 febbraio.

L’udienza. “E’ stata un’udienza lunga e affollata – si legge nel comunicato del comitato “Verità e giustizia per Francesco Mastrogiovanni” – E’ l’ultimo giorno utile per ascoltare i testi e i difensori degli imputati, e dopo il duro richiamo della precedente udienza da parte del presidente del tribunale, Elisabetta Garzo, sono stati convocati tutti nella speranza di discolpare i propri assistiti.

Sono una ventina, ma ne vengono ascoltati solo quattordici. Ad alcuni testi i difensori rinunziano e per quelli che non si sono presentati rinunziano a chiedere l’accompagnamento coatto. Sono medici e infermieri e nelle loro deposizioni tracciano un quadro idilliaco del reparto di psichiatria dell’ospedale di Vallo della Lucania e del lavoro dei loro colleghi.

E’ scontato che gli imputati sono ottime persone, attente e scrupolose nel loro lavoro, rispettose dei diritti e della dignità dei pazienti. La contenzione mai vista e mai praticata, ma poi le dottoresse ammettono che la praticavano, precisando che ogni quindici, massimo ogni venti minuti (bontà loro!) slegavano i pazienti, che i pazienti – anche se legati ai polsi e alle caviglie – erano liberi di muoversi nel letto di contenzione.

Addirittura una dottoressa dice che erano gli stessi pazienti a chiedere di essere legati. Il tribunale ne prende atto e quasi verrebbe la voglia di conferire un riconoscimento al merito a queste dottoresse così ubbidienti alle richieste dei ricoverati. E se i malati avessero implorato di essere slegati?…

Però tutte le deposizioni si riferiscono ad anni precedenti al 2009: sono dunque lontane dall’episodio per il quale è in corso il processo. In ogni modo le dottoresse monitoravano continuamente i pazienti, bastava una richiesta qualsiasi perché accorressero ai loro letti, anche se una dottoressa si lascia sfuggire il termine «capezzale» e il capezzale – nella lingua italiana – è quello che ospita un moribondo.
I difensori degli infermieri si sforzano di far emergere che i loro assistiti non potevano prendere iniziative autonome ed erano tenuti a fare quello che stabilivano i medici.

Per quanto riguarda Mastrogiovanni c’è un testimone, per adesso muto, allegato agli atti del processo, che è l’agghiacciante video dell’orrore che mostra le interminabili ottantantre ore nelle quali Mastrogiovanni, senza aver fatto assolutamente nulla per meritarselo, anzi senza averlo chiesto, è stato ininterrottamente contenuto ai polsi e alle caviglie e a prova del colpevole abbandono in cui era tenuto è l’innegabile ritardo della scoperta della sua morte, avvenuta ben sei ore dopo dal momento in cui il suo cuore cessa di battere.

Quel video immancabilmente «parlerà » il giorno della sentenza… E se su quel video non si leggesse la data e l’anno potrebbe essere tranquillamente proiettato durante le visite delle scolaresche ai campi di concentramento nazisti. Invece tutto questo è accaduto nell’anno del signore, 2009, in una sala-lager dell’ospedale di Vallo della Lucania.

Con la dott.ssa Di Matteo, il P.M. Dr. Renato Martuscelli si sofferma a ricostruire i momenti della cattura di Francesco Mastrogiovanni, avvenuta sulla spiaggia di Acciaroli la mattina del 31 luglio 2009. Anche qui è stato tutto regolare, anzi il povero ma violento Mastrogiovanni l’ha minacciata con le pietre, l’ha offesa rivolgendole improperi che la dottoressa si schermisce dal ripetere, dicendo che ha «perdonato ».

La dottoressa, arrivata sulla spiaggia contemporaneamente all’arrivo della motovedetta della Capitaneria del porto di Acciaroli, dice anche che aveva avuto i certificati regolarmente firmati dal sindaco di Pollica, altrimenti non avrebbe eseguito il TSO. La dottoressa però ignora che il tenente dei vigili del comune di Pollica, Graziano Lamanna, ha riferito, sotto giuramento, che il sindaco di Pollica, avvertito solo telefonicamente, non aveva visionato i certificati, anzi il TSO lo aveva ordinato la notte del 30 luglio senza l’avallo di alcun certificato medico.

La dottoressa – a meno che non ignori la geografia del Cilento – non ci spiega come mai, operando sulla spiaggia del Comune di San Mauro Cilento, invece di rivolgersi al sindaco del Comune di San Mauro Cilento, per la convalida del TSO si sia rivolta al sindaco di Pollica. Il P.M., riferendosi ai precedenti TSO di cui è stato vittima Mastrogiovanni, sottolinea che l’agitazione avveniva sempre nel mese di agosto. In una precedente udienza il P.M. dichiarò che la deposizione della signora Licia Musto, la proprietaria del campeggio presso il quale Francesco Mastrogiovanni trascorreva le sue vacanze, e alla quale disse: «Non fatemi portare all’ospedale di Vallo, perché lì mi ammazzano», era «ininfluente».

Momenti di tensione si sono avuti quando la Cirillo, imputata e teste, nonché capo infermiera del reparto di psichiatria, si è avvicinata al tavolo della presidenza del tribunale disturbando l’udienza in corso e, richiamata dal presidente, ha reagito in malo modo e con arroganza. E’ la stessa che nella precedente udienza si era allontanata.
C’è anche da notare che la stragrande maggioranza dei testi, pur svolgendo un lavoro pubblico, non ha acconsentito ad essere ripresa dalle emittenti Uno Tv di Sala Consilina e La Set di Vallo della Lucania, che seguono il dibattimento processuale.

Scontri finali tra il presidente, Elisabetta Garzo e alcuni legali della difesa degli imputati sulla data della prossima udienza, prevista – secondo il calendario stabilito da tempo – per il 14 febbraio 2012, perché in quella data ricade la festa dell’amore. In nome dell’amore, di quell’amore che i propri assistiti hanno dimostrato di non avere nei confronti dei pazienti, hanno chiesto il rinvio dell’udienza al mese di marzo, adducendo che i loro consulenti erano impegnati. Purtroppo per gli avvocati richiedenti, la dott.ssa Garzo ha replicato che il 14 febbraio è una festa commerciale e quindi tutt’al più poteva o anticipare o posticipare d’una settimana l’udienza, perché non è pensabile che, avendo calendarizzato due udienze nel mese di febbraio, non si tengano e alla fine – dopo un vivace battibecco e dopo che gli avvocati si sono attaccati ai propri telefonini – il presidente ha stabilito che il 14 febbraio, essendo un giorno lavorativo, ci si vede tutti in aula.

  • assicurazioni assitur

Tutti in aula, dunque, in nome dell’amore per la giustizia e per la dignità umana.
Scopo degli avvocati è guadagnar tempo e ritardare la sentenza, perché, procedendo di questo passo, temono che la sentenza possa essere pronunziata – come a un membro del Comitato è capitato per caso di ascoltare, fuori dall’aula del tribunale, da un avvocato della difesa degli imputati – prima di Pasqua. Infine il Comitato Verità e Giustizia per Francesco Mastrogiovanni ritiene che anche nell’udienza del 31 gennaio sia continuata la Caporetto per i difensori e per gli imputati”.

ARTICOLI CORRELATI

Mastrogiovanni e Vassallo: il destino li fa scontrare e la follia ne spezza le vite

Il caso sulla morte di Franco Mastrogiovanni diventa uno spettacolo teatrale: intervista a Giancarlo Guercio

“Quem Queritis? – Il caso Mastrogiovanni”: domani a Vallo della Lucania

“Quem queritis?” in pillole. Il backstage dello spettacolo di Giancarlo Guercio ispirato al caso Mastrogiovanni

Lo spettacolo teatrale di Giancarlo Guercio, “Quem queritis? – Il caso Mastrogiovanni”, al “La Provvidenza” di Vallo della Lucania il 7 dicembre

Vallo della Lucania, ripreso il processo sul caso Mastrogiovanni: assenti molti dei diciotto imputati

A ‘Che tempo che fa’, il caso Mastrogiovanni, una delle storie più toccanti del libro di Luigi Manconi

Mastrogiovanni, l’ennesima vittima sacrificata al protagonismo… come Sara Scazzi!

Caso Mastrogiovanni. Quando l’indifferenza è un reato morale

Al via il processo, diversi i movimenti che chiedono “Verità e giustizia per Franco”

A “Mi manda Rai3” il video del calvario del maestro più alto del mondo

Direttore sanitario: c’era “un motivo ben preciso” che giustificava il Tso

Che cosa e chi ha convinto un sindaco ad effettuare un TSO su Mastrogiovanni?

Vallo:ad un mese dal decesso, resta un giallo la morte del professore di Castelnuovo Cilento

Vallo della Lucania: morte in psichiatria. Per i medici sono solo falsità

assicurazioni assitur