Feto morto a Capaccio, manca il tracciato in cartella clinica: 9 gli indagati

Infante viaggi

Il tracciato effettuato alla donna di Capaccio che ha partorito un feto morto sarebbe scomparso. Nella cartella clinica sequestrata dalla procura di Salerno che sta indagando sulle cause che hanno determinato il decesso di un feto al nono mese di gestazione, non vi sarebbe infatti alcuna traccia.

Per questo, potrebbe anche essere presentata dal legale della donna una integrazione della querela, che fino a questo momento ha portato la procura ad iscrivere nel registro degli indagati nove persone, tra cui 5 medici e 4 infermieri. «Se questo tracciato – ha affermato il legale Marco Nigro – non dovesse saltare fuori, ne proveremo l’esistenza con alcune testimonianze».

  • Vea ricambi Bellizzi

Intanto, si sono svolti giovedì nella chiesa in contrada Ponte Barizzo i funerali del piccolo partorito morto dalla madre nell’ospedale Santa Maria della Speranza di Battipaglia. E giovedì si è svolta anche l’autopsia per far luce sulla vicenda che ha portato la procura di Salerno ad aprire un’inchiesta nella quale risultano indagate 9 persone. Per loro il reato ipotizzato è di interruzione colposa di gravidanza.

  • Vea ricambi Bellizzi
  • Lido Urlamare Palinuro
  • assicurazioni assitur
  • Lido La Torre Palinuro

 

 

Si sono svolti stamane nella chiesa in contrada Ponte Barizzo i funerali del piccolo Gennaro, il bimbo partorito morto dalla madre, la 33enne di Capaccio Mariarosaria, nel reparto di ginecologia dell’ospedale “Santa Maria della Speranza” di Battipaglia. In tanti hanno voluto stare vicino alla donna e a suo marito, Luciano, in questi terribili momenti vissuti. Ieri si è intanto svolta, presso il nosocomio battipagliese, l’autopsia sul feto partorito morto, prima del rilascio della salma. L’esame è durato circa due ore ed adesso il medico legale avrà sessanta giorni per fornire la documentazione, che ha visto anche il prelievo istologico. Si cerca di fare piena luce sulla vicenda che ha portato la famiglia alla nomina di un medico legale di parte e soprattutto la Procura di Salerno ad aprire un inchiesta con il sequestro della cartella clinica operato dai carabinieri della Compagnia di Battipaglia, coordinati dal cap. Giuseppe Costa, dopo la denuncia presentata da Luciano, il padre del piccolo partorito morto. – See more at: http://www.stiletv.it/index.php/news/10704/Capaccio_feto_morto:_eseguita_autopsia,_relazione_entro_60_giorni#sthash.Nrqyrggg.dpuf