Sequestro lidi Policastro Bussentino, il circolo Pd di Santa Marina al fianco degli operatori balneari

Sulla vicenda del sequestro delle strutture balneari nel comune di Santa Marina, fa sentire la propria voce anche il circolo Pd del comune del golfo di Policastro.

«Preso atto degli ultimi negativi sviluppi della vicenda riguardante i lidi e la conseguente ripercussione sullo stato economico-sociale della nostra cittadina non possiamo non essere di nuovo al fianco dei lavoratori, dare la nostra massima solidarietà e coesione per dar forza alla richiesta formulata dalla voce disperata degli stessi e aderire al presidio permanente che inizierà venerdì intorno alle 18,00 presso lo svincolo della SS 517.

Si tratta di vicende per le quali non possiamo e non dobbiamo rimanere indifferenti; non si può minimamente pensare di voltarsi dall’altra parte rispetto alle vertenze occupazionali-economiche-sociali che investono drammaticamente il nostro territorio.

Come circolo siamo sempre più convinti che Policastro Bussentino vive un momento di grave difficoltà dal quale bisogna uscire al più presto per ridare voce e dignità ad una popolazione con tanta voglia di fare, di costruire e lottare per se stessa e per l’intero Golfo, lasciato al suo essere troppo spesso sinonimo di  “addormentato, indifferente, spento”.

Per un territorio che ancora una volta, con la quaestio dei lidi dopo quella degli idraulico forestali, del Cts Le Rose e l’evidente stato di disoccupazione  generale, non merita silenzio né rassegnazione. Nel riporre fiducia e trovare nell’amministrazione comunale, in tutti i cittadini e – come richiesto da Beniamino Giudice (proprietario lido, ndr) – anche in tutti i proprietari di attività commerciali e artigianali un reale sostegno al grido “disperato” per una soluzione che tuteli i diritti inviolabili quali quelli del lavoro e della dignità, auspichiamo che tutta la grinta, volontà e consapevolezza di agire per una giusta causa procedano nella medesima direzione. 

Il nostro paese deve vivere con le certezze di cui ha bisogno, col sorriso e con la speranza che tutto “rientri”, a testa alta e  con la fiducia che mai sarebbe dovuta scemare in un popolo che ha sempre dato al territorio cilentano, che ha sempre fatto e sudato per non crollare sotto il peso del silenzio, sempre lucido, razionale e consapevole delle proprie possibilità e dei propri limiti. Non si può mollare proprio ora: bisogna vivere il territorio, sentirlo proprio, difenderlo, con la consapevolezza di persone che hanno deciso di esserci oggi, perché viviamo e difendiamo il nostro oggi per il domani dei nostri figli».

Intanto, l’amministrazione comunale di Policastro ha garantito, per tutta l’estate 2012, una spiaggia libera e attrezzata di ogni servizio per i turisti, i residenti e gli abitanti dei comuni limitrofi.

ARTICOLI CORRELATI:

Sequestro lidi Policastro Bussentino, garantita spiaggia libera e attrezzata ai turisti

Policastro Bussentino, il No della Soprintendenza alla riapertura dei lidi sotto sequestro

Policastro Bussentino, sequestro lidi balneari: martedì l’incontro con la Soprintendenza

Policastro Bussentino, sequestro lidi balneari. Fortunato: «Proposta risolutiva temporanea»

Policastro Bussentino, sequestro lidi. Titolare struttura: «Siamo vittime di un errore»

Policastro Bussentino, sequestro lidi: il sindaco scrive alla soprintendenza. Protesta dei cittadini

Policastro, niente dissequestro per 7 lidi: a rischio stagione balneare

L’associazione “Fare Verde” di Sapri: “C’è un popolo che grida più forte perché vuole vedere tutelati i bisogni generali e la legalità”

Policastro Bussentino, operazione “estate serena”: otto stabilimenti balneari sequestrati e 13 denunciati