• Home
  • Cronaca
  • Cancellieri: «Introdurre reato omicidio stradale», Cirielli: «Non sia ennesimo spot»

Cancellieri: «Introdurre reato omicidio stradale», Cirielli: «Non sia ennesimo spot»

di Marianna Vallone

«Porterò in Consiglio dei ministri un pacchetto di norme sulla giustizia che conterrà anche l’introduzione del reato di omicidio stradale». Ad annunciarlo è il ministro Annamaria Cancellieri dopo l’episodio delle due donne morte in Calabria che dopo un incidente stradale sono morte perché investite da una terza auto che poi è fuggita via senza prestare soccorso.

«Mi auguro che l’annuncio fatto ieri dal ministro della Giustizia, Annamaria Cancellieri, di voler introdurre il reato di omicidio stradale non rimanga tale e non si riveli l’ennesimo spot del Governo. Se c’è veramente questa volontà si passi subito dalle parole ai fatti», ha dichiarato Edmondo Cirielli, deputato di Fratelli d’Italia e componente dell’ufficio di Presidenza di Montecitorio.

«Ad ogni modo – spiega – il problema reale è rappresentato dalle norme della Legge Gozzini, ampliate con gli ultimi svuotacarceri voluti proprio dal ministro Cancellieri e, per effetto delle quali, non si riesce a far scontare la pena in carcere ai responsabili di più omicidi volontari, come dimostra il caso di Bartolomeo Gagliano». «Inasprimento delle pene, risarcimenti più rapidi alle vittime, prevenzione – conclude Cirielli – ma soprattutto effettiva sanzione carceraria nel computo finale della pena».

©

©Riproduzione riservata




A Cura di

Marianna Vallone

Giornalista per professione e comunicatrice per passione, sono alla continua ricerca di storie da raccontare e tramonti da immortalare. Nata sulla costa di Maratea ma morigeratese da sette generazioni. Vivo nel cuore verde del Cilento e sono felice. Faccio domande anche quando conosco le risposte, perché continuo a pensare che l’essere umano sia il viaggio più bello da fare.
Tutti gli articoli di Marianna Vallone

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019