Comunità Montana Alento-Montestella: ancora sui tetti gli operai. Richiesto incontro con la regione Campania

Infante viaggi

Sono passati quasi due giorni da quando gli operai sono saliti sul tetto della sede della comunità montana Alento –Montestella di Laureana Cilento. I 10, e non più 8, operai che stanno protestando contro il pericolo di licenziamento dovuto al mancato versamento dei fondi da parte della regione Campania, non sono soli. Tutta la Comunità montana Alento-Montestella, e non solo, appoggia i dieci operai saliti sul tetto. Il presidente dell’Ente di Laureana Cilento, Emanuele Giancarlo Malatesta, ha richiesto un incontro con il presidente della regione Campania, Stefano Caldoro:  “Stamattina ho anche inviato una lettera al presidente della Regione Campania Stefano Caldoro per informarlo dei fatti e soprattutto per chiederli un incontro urgente con i nostri lavoratori. Fino a ora non ho ricevuto risposta”.  

Il sindaco di San Mauro Cilento, Giuseppe Cilento, fa sapere che: “La protesta nasce dalla mancata corresponsione di quattro mensilità, dall’inconsistenza delle decisioni assunte dalla Giunta Regionale, che ha erogato fondi limitatissimi e non ha ancora deciso il destino delle comunità montane e dei loro dipendenti,che sono in lotta per evitare il provvedimento di sospensione dal lavoro, ormai pronto per mancanza di fondi”.

  • Vea ricambi Bellizzi

“Manca un chiaro disegno riformatore, che riduca i costi, riordinando lo Stato con accorpamenti – continua il sindaco. Il governo nazionale e quello regionale hanno abbandonato gli enti montani al loro destino. Le comunità montane vanno fuse con il parco, insieme ad altri enti.  Sul territorio cilentano si contano più di trenta enti a bacino diverso, che vanno assolutamente riordinati, fusi, riposizionati in un bacino unico. Ciò può garantire una riduzione dei costi e un alleggerimento della burocrazia, consentendo un’occupazione più produttiva.  Occorre costruire una visione riformatrice chiara,ancor piùnecessaria in questo momento di crisi e di confusione”.

  • Lido La Torre Palinuro
  • assicurazioni assitur