Bimbi intossicati da frutta a Serre, ministro Lorenzin dispone ispezione

Infante viaggi

Sul caso dell’intossicazione di alcuni bambini e una maestra a Serre verificatasi dopo aver mangiato alcune pesche in vaschette interviene il ministro della Salute Beatrice Lorenzin che dispone «un’immediata ispezione sanitaria presso le sedi delle ditte distributrici e produttrici». Ad annunciare il provvedimento, in una nota, i carabinieri dei Nas, che ricordano, inoltre, che nella giornata di domenica in collaborazione con le locali Asl hanno effettuato ispezioni «non riscontrando problemi igienico – sanitari o di tracciabilità della frutta (175 quintali di pesche) di cui comunque è stata bloccata la distribuzione. In attesa degli esiti delle analisi in corso da parte dell’Asl – continua la nota dei carabinieri –  è stato disposto un ulteriore campionamento sulla piattaforma distributiva per consentire all’istituto superiore della Sanità o altri laboratori spacializzati di accertare l’eventuale presenza di residui da fitofarmaci».

L’ennesimo episodio di intossicazione alimentare che vede nuovamente coinvolti dei bambini ho scosso molto l’opinione pubblica, in particolare il racconto che i piccoli hanno fatto alle forze dell’ordine. I bimbi, infatti, sostengono che intorno alle 10,30 di giovedì decidono di fare merenda con delle pesche, dopo qualche morso avvertono forte prurito alla bocca, mal di stomaco, conati di vomito e febbre. Le maestre allarmate, dopo aver prestato un primo soccorso ai piccoli, chiamano il 118. I sanitari giungono sul posto con diverse ambulanze e dopo una prima visita riscontrano nei bambini sintomi da intossicazione. A questo punto i bimbi vengono immediatamente portati all’ospedale di Eboli e sottoposti ad analisi per verificare le cause dell’intossicazione.

  • assicurazioni assitur

Nella giornata di venerdì alcuni bimbi oramai fuori pericolo vengono dimessi, mentre altri rimangono ancora in osservazione ma la rabbia dei genitori monta: «Sono stata dai carabinieri per capire quale fosse l’azienda che ha fornito li pesche – racconta un genitore – vogliamo capire a chi attribuire le responsabilità». Il primo cittadino di Serre Franco Mennella commenta sconcertato: «Stiamo seguendo passo passo le indagini, attendiamo l’esito delle analisi e siamo pronti – conclude il primo cittadino – a intraprendere tutte le azioni necessarie per tutelare i bambini».

©Riproduzione riservata

  • Lido Urlamare Palinuro
  • Lido La Torre Palinuro
  • assicurazioni assitur