• Home
  • Politica
  • ‘Se non ora quando’ Vallo di Diano a difesa di Laura Boldrini, contro il sessismo politico

‘Se non ora quando’ Vallo di Diano a difesa di Laura Boldrini, contro il sessismo politico

di Biagio Cafaro

«Vogliamo rispetto per le donne. Vogliamo più spazio, più diritti, più vita, e rispetto» è il grido del comitato ‘Se non ora quando’. L’allarme lanciato fatto proprio dal comitato Vallo di Diano, vuole porre l’accento sugli «episodi in cui vengono attaccate donne impegnate nella politica: schiaffi, spintoni e allusioni volgari in Parlamento, minacce e offese sui social media».

Prima tra tutte Laura Boldrini: «La presidente della Camera dei deputati Laura Boldrini è stata fin dalla sua nomina bersaglio privilegiato di ogni volgarità ed è diventata un simbolo degli ostacoli incontrati dalle donne nella vita politica e della incapacità della nostra classe politica di riconoscere alle donne spazio, diritti, rispetto».

«Quando gli uomini incontrano la forza delle donne – continua Snoq – hanno bisogno di vederle come oggetti sessuali per esprimere il loro disprezzo. In questi attacchi sono state coinvolte donne di tutti i partiti e movimenti politici. Noi siamo con Laura Boldrini e con tutte le donne che a tutti i livelli della politica incontrano ogni giorno ostacoli e difficoltà».

«I comportamenti machisti dentro e fuori le nostre istituzioni diventano ogni giorno più intollerabili e smascherano una cultura antica che non sa guardare alle donne con rispetto. ‘Se Non Ora Quando’ ha portato nelle piazze del nostro Paese uno sguardo nuovo per immaginare una società in cui uomini e donne insieme riconoscano il valore del rispetto reciproco. La libertà delle donne e la forza delle donne sono necessarie a tutti gli uomini e a tutte le donne che vogliono per il nostro Paese un futuro migliore. Quale desiderio muove gli uomini, quando pensano al corpo delle donne come arma di offesa? Per noi il corpo è vita, è gioia, è divertimento! Non vogliamo che torni ad essere umiliazione, sopraffazione, violenza. Vogliamo per le donne del nostro Paese più spazio, più diritti, più vita, e rispetto. Vogliamo rispetto – conclude Snoq -, e non torneremo indietro».

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019