• Home
  • Cronaca
  • Stio, russi alla scoperta della Dieta Eu-Mediterranea

Stio, russi alla scoperta della Dieta Eu-Mediterranea

di Marianna Vallone

Inatteso successo del convegno la Dieta Eu-Mediterranea nel  follow-up dei prodotti tipici della Campania – La Castagna un prodotto da tutelare. Il dibattito organizzato dall’assessore alla Cultura del comune di Stio, Massimo Trotta in collaborazione con la Nuova Scuola Medica Salernitana e l’università degli studi di Salerno ha visto presenti il sindaco Natalino Barbato, il professore Michele Santangelo ed il dottore Mario Infante. Sono intervenuti, inoltre, l’assessore all’Agricoltura  della Provincia di Salerno, Mario Miano e numerosi sindaci dei comuni di produzione della castagna.

Il convegno ha visto la partecipazione di numerosi insegnanti e studenti della Scuola secondaria superiore locale. All’incontro ha partecipato l’Università degli Studi di Salerno con il professore Sebastiano Martelli che oltre ad elogiare l’iniziativa ha portato il saluto del rettore Aurelio Tommasetti. 

E’ intervenuto al dibattito Carlo Montinaro, preside della Nuova Scuola Mediterranea, ha messo in risalto la nuova piramide della dieta Eu-Mediterranea dove è stata aggiunta la musica che deve precedere ogni altra attività, in quanto predispone l’organismo ad un equilibrio psichico, importante per affrontare sia la dieta che le attività sportive. Giovanni Mugnani, nefrologo della clinica Cobellis, si è invece soffermato «sull’utilità dello ‘stile di vita mediterraneo’ e sul valore del mangiar sano, mettendo in risalto l’attività fisica quotidiana e soprattutto la disciplina del ciclismo da consigliare ai giovani per la rpevenzione delle patologie cardiovascolari e dell’obesità».

Ha allietato la serata il cantante di fama nazionale Angelo Grey. Al Convegno è intervenuta l’equipe della TV Russa che «è stata particolarmente colpita dalla semplicità della  gente di Stio – spiegano gli organizzatori – e dei prodotti locali tra i quali le castagne, una risorsa che  è stata di vitale importanza nel passato e che oggi costituisce la nuova base di alimenti tipici. L’equipe russa ha dato molto risalto alle relazioni che hanno discusso sulla Dieta Eu-mediterranea, un esempio da seguire nei loro paesi per combattere patologie come i tumori e le malattie cardiovascolari».

©

©Riproduzione riservata




A Cura di

Marianna Vallone

Giornalista per professione e comunicatrice per passione, sono alla continua ricerca di storie da raccontare e tramonti da immortalare. Nata sulla costa di Maratea ma morigeratese da sette generazioni. Vivo nel cuore verde del Cilento e sono felice. Faccio domande anche quando conosco le risposte, perché continuo a pensare che l’essere umano sia il viaggio più bello da fare.
Tutti gli articoli di Marianna Vallone

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019