• Home
  • Politica
  • Abolizione Province, Iannone: «Da governo Letta una farsa che indigna e penalizza i cittadini»

Abolizione Province, Iannone: «Da governo Letta una farsa che indigna e penalizza i cittadini»

di Lucia Cariello

Il governo di Enrico Letta abolisce le Province italiane: «Abbiamo abrogato il termine Province da tutti gli articoli della Costituzione – dichiara Letta – Speriamo che il Parlamento approvi il provvedimento nel più breve tempo possibile».

Nel giro di un batter di ciglia ecco le prime reazioni a un provvedimento anticrisi che da tanti era auspicato ma non da tutti. Questo il commento del presidente della provincia di Salerno Antonio Iannone: «Il governo Monti – dichiara Iannone – ha il record di essere stato il peggior governo della storia repubblicana, ma sono certo che quello guidato da Letta riuscirà a superarlo. Si aboliscono le Province e i 150 anni di storia – continua – si modifica la Costituzione con un decreto spot composto da pochi pensierini da quinta elementare. Per le Province tempi strettissimi, per la riduzione dei parlamentari, la riduzione delle tasse, la modifica della legge elettorale non se ne parla proprio».

«Letta cerca di dare rassicurazioni su dipendenti e funzioni – aggiunge – ma non spiega con quali modalità e risorse saranno tutelati e assicurati. Veramente una farsa che indigna, i cittadini saranno bidonati e penalizzati. C’era stato tutto il tempo per fare una riforma seria e, invece, anche questa volta – conclude Iannone – è stata servita l’Italietta».

©

 

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019