Ascea, dispersi in mare per ore al buio: 4 amici salvati da carabinieri e guardia costiera

È stato necessario un vero spiegamento di forze per recuperare quattro giovani che sabato sera si sono persi in mare ad Ascea. Un’operazione congiunta dei carabinieri della compagnia di Vallo della Lucania e degli uomini della Guardia costiera di Palinuro che ha evitato la tragedia per i quattro amici che a nuoto da una spiaggetta si sono avventurati per raggiungere una caletta nascosta nella roccia. Uno di loro mentre nuotava si è ferito a una spalla e a un piede. Spaventati dal buio e dal fatto che non riuscivano più a rientrare hanno allertato il 118. Ma niente da fare per i soccorsi, il posto è praticamente irraggiungibile. 

Le operazioni La guardia costiera di Palinuro, guidata dal comandante Andrea Palma, ha preso in mano la situazione e ha inviato subito sul posto la sua motovedetta insieme a un gommone, in breve è arrivato anche un gommone più piccolo privato da Pisciotta, mentre veniva richiesto l’intervento di un elicottero della Marina di Catania. L’allarme nel frattempo era stato già dato ai carabinieri della compagnia di Vallo della Lucania. Dei quattro ragazzi – tre diciottenni e un minorenne – nessuna traccia. La zona è piena di scogli e per le imbarcazioni è difficile arrivare. Le operazioni sono continuate senza sosta. Poi intorno alle 21 finalmente l’epilogo. Un carabiniere si è lanciato in acqua e ha raggiunto i quattro malcapitati, mentre la motovedetta della guardia costiera illuminava la zona e sia da un lato che dall’altro della caletta lo attendevano personalmente il capitano dei carabinieri di Vallo Alessandro Starace, il comandante Andrea Palma e il maresciallo Nardone dei carabinieri di Ascea. Aggrappati ai militari, i quattro impauriti e infreddoliti hanno tirato un sospiro di sollievo: l’incubo era finito, proprio quando le forze stavano per abbandonarli. Sono stati presi a bordo e portati in salvo. Il giovane ferito è stato poi trasportato all’ospedale di Vallo della Lucania per gli accertamenti del caso.  

©Riproduzione riservata