Sindaco di Piaggine su ricorso De Luca: «Azione inconcepibile e vergognosa, va a scapito dei comuni minori»

Dopo l’annuncio del sindaco di Salerno Vincenzo De Luca di ricorrere al Tar contro il bando regionale per l’attribuzione dei fondi da stanziare per i comuni minori, arrivano le bordate anche del sindaco di Piaggine, Guglielmo Vairo. Infatti, in una lettera indirizzata ai vertici di Anci Campania, il primo cittadino attacca la decisione di De Luca: «Un’azione del genere – scrive Vairo – blocca e esaspera opportunità attese da tempo, nel campo dell’efficientamento energetico, dei trasporti sostenibili, dello sviluppo urbano, della ricerca e dell’innovazione».

L’indignazione di Vairo arriva anche dal fatto che «in questa iniziativa, cui ha dato sostegno anche la delegazione Anci con un protocollo d’Intesa, i comuni campani minori si sono profusi in uno sforzo di idee e programmazione, investendo risorse umane e finanziarie e generando progetti di grande valore con forte ricaduta sui rispettivi territori». «Si può facilmente comprendere – continua Vairo nella lettera – il sentimento di delusione e di amarezza provato da noi sindaci di piccoli centri interni di fronte all’azione del collega De Luca che va a penalizzare le legittime aspirazioni e finanziamenti che attendiamo da anni».

Il sindaco di Piaggine poi ipotizza che «se l’azione di disturbo promossa dal sindaco De Luca dovesse arrivare a qualche conclusione, l’unico risultato sarebbe quello di portare alla perenzione risorse comunitarie stanziate e non utilizzate, facendo perdere al territorio campano e ai tanti comuni un’occasione irripetibile». I toni di Vairo si fanno più duri quando scrive che a pagarne le spese più alte sono i cittadini. «E’ inconcepibile e vergognoso – continua – che l’azione messa in campo in questi giorni passi sulla testa dei cittadini dei nostri comuni, a scapito degli interessi della nostra e delle tante comunità che vedono minacciato un diritto sancito da un procedimento regolarmente svolto».

«I fondi programmati della Regione Campania – continua il sindaco – per i comuni minori non verrebbero sottratti a comuni come Salerno ma andrebbero guardati in una strategia più ampia di avanzamento e sviluppo del territorio campano, di cui beneficerebbe l’intero sistema territoriale di riferimento e quindi di riflesso anche i comuni maggiori». «Ecco perché chiedo che si intervenga sull’azione del sindaco De Luca – conclude Vairo – per evitare che vengano vanificati gli sforzi compiuti, rendendo inutili e improduttive le spese affrontate per la programmazione di interventi pubblici da tempo attesi per il rilancio delle zone interne della provincia di Salerno».

©Riproduzione riservata

Leggi anche Aloia furioso contro De Luca: «Azione deplorevole», a rischio riqualificazione piazza Vallo della Lucania

De Luca richiede sospensione finanziamento da 300 milioni di euro Ue, il Cilento si ribella

Fortunato replica a De Luca: «I comuni non temano la sua azione, spero che il ricorso naufraghi miseramente»

De Luca presenta ricorso per i finanziamenti della Regione, a rischio 300 milioni di euro per il Cilento