Guardia costiera: soccorsa barca in avaria a Agropoli. Sequestrate reti da pesca a Castellabate

Infante viaggi

Nell’ambito degli interventi di sorveglianza messi a punto dalla guardia costiera di Agropoli, diretta dal tenente di vascello Rosario Florio, sono state incrementate anche le attività di vigilanza, nelle acque di competenza, per reprimere i reati in materia di pesca marittima. Nella notte tra giovedì e venerdì, infatti, gli uomini dell’ufficio di Santa Maria di Castellabate, comandati dal maresciallo Pasquale De Vita,  hanno trovato due reti da posta per la pesca della lunghezza di 1.500 metri, posizionati all’interno dell’area marina protetta della cittadina rivierasca e senza essere segnalate. In questa zona, infatti, sono molto limitate le attività perché l’area è di particolare pregio naturalistico. Le reti, che sono state estratte con grande difficoltà da parte degli uomini impegnati nell’operazione, sono state sequestrate con conseguente denuncia a carico di ignoti trasmessa alla procura della repubblica di Vallo della Lucania.

Ma oltre alle operazioni di polizia, nel corso della notte, è stata anche soccorsa in mare un’imbarcazione in difficoltà con tre persone a bordo che per un’avaria al motore, non riusciva più a rientrare nel porto di Agropoli. I soccorsi sono stati eseguiti da parte della motovedetta CP 855 agli ordini del maresciallo Giuseppe Pepe. La barca è stata raggiunta a circa due miglia dal porto di Agropoli ed è stata tratta in salvo e assistita fino al rientro in terra ferma. A parte un grande spavento, non ci sono stati danno a persone o cose. La guardia costiera fa sapere che è sempre attivo il numero verde 1530 per le emergenze in mare.

  • assicurazioni assitur

©Riproduzione riservata

  • assicurazioni assitur
  • Lido Urlamare Palinuro
  • Lido La Torre Palinuro