• Home
  • Politica
  • Pisciotta senza via di fuga, Pierro: «Al via potenziamento viabilità secondaria, in attesa della variante a Rizzico»

Pisciotta senza via di fuga, Pierro: «Al via potenziamento viabilità secondaria, in attesa della variante a Rizzico»

di Biagio Cafaro

Pisciotta rischia l’isolamento per le condizione precaria delle strade. Ben quattro arterie sono chiuse e le restanti due presentano punti critici. Per questi motivi la Pro loco di Pisciotta e l’associazione Fucina Rhodium hanno richiesto il potenziamento della via alternativa alla ex ss 447 in località Rizzico, la strada interpoderale Rodio – ischiferretti.

Rizzico Il Comune di Pisciotta già si è espresso positivamente in merito, dirottando i 12 mila euro destinati al rifacimento del manto di strada dell’ex ss 447 in località ‘Rizzico’, verso il percorso interpoderale.

Viabilità secondaria Ma ad essere potenziata sarà la viabilità secondaria, almeno in un primo momento: «Ad ora la cosa più immediata da fare è potenziare la viabilità secondaria, garantendo le vie di comunicazione essenziali del comune di Pisciotta – ha dichiarato l’assessore ai Lavori pubblici della Provincia di Salerno Attilio Pierro –. Nel frattempo lavoriamo per far partire i lavori per la realizzazione della variante alla ex ss 447 in località ‘Rizzico’»

Viabilità secondaria di Pisciotta che va ad essere potenziata anche grazie ai 28 milioni di euro stanziati dalla Regione Campania su richiesta della Provincia. Tra gli interventi il ripristino della sp 269 tra Ceraso, Mandia e Rodio, ma anche per quanto riguarda la strada 257 Rodio –Pisciotta e la strada ex ss 447 tra Caprioli e Palinuro per un totale di quasi 1 milione e mezzo di euro.

Ambulanza a Pisciotta Nel frattempo la Provincia di Salerno e l’Asl, come da richiesta da parte del Comune di Pisciotta, stanno lavorando per la dislocazione di un’ambulanza sul posto per permettere un intervento tempestivo da parte del 118 in caso di emergenza.

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019