“Mare verde giallo” a Baia Arena, la protesta dei bagnanti

Infante viaggi

Mare inquinato a Baia Arena, tratto del litorale cilentano al confine tra Motecorice e Castellabate. L’annoso problema ha visto la protesta della gente del posto e dei turisti che ogni anno si reca nella località balneare cilentana. Sdegno mosso anche sulla pagina Facebook “Salviamo la Baia di Ogliastro Marina” «06/07/2013 ore 11.49 l’acqua alle Ripe Rosse è di colore verde-giallo. Anche quest’anno assisteremo al solito teatrino». Continuano i commenti: «La speranza é morta. Il mare e’ sporco e la capitaneria viene a controllare le concessioni» proseguono i commenti.

In realtà la soluzione ci sarebbe. Nel mese di maggio la giunta comunale di Castellabate ha approvato il progetto esecutivo dei lavori di adeguamento del sistema depurativo della frazione Ogliastro Marina. L’intervento, per il quale è previsto un finanziamento regionale, è necessario per il risanamento dell’ambiente marino in località Baia Arena, al confine con il comune di Montecorice. Per  tale intervento però si attendono gli oltre 6 milioni di euro dalla regione Campania.

  • assicurazioni assitur

A tranquillizzare gli animi sono stati Pierpaolo Piccirilli e Costabile Spinelli, rispettivamente i sindaci dei comuni di Montecorice e Castellabate interessati dall’inquinamento di Baia Arena. «Siamo agli sgoccioli – sottolinea Piccirilli su “Il mattino”- perché sono state ultimate tutte le pratiche burocratiche. Per non perdere tempo ulteriore, abbiamo già pronto il bando per le gare d’appalto. Partiremo immediatamente il giorno successivo al decreto di finanziamento». Messaggio ribadito dal primo cittadino di Castellabate, Costabile Spinelli: «È questione di giorni perché è stato ultimato tutto. Sono fiducioso e speranzoso di poter partire con le gare d’appalto entro il periodo estivo».

  • Lido Urlamare Palinuro
  • Lido La Torre Palinuro
  • assicurazioni assitur