Giro d’Italia 2014, il 15 maggio si parte da Sassano passando per Atena Lucana, Polla, Petrosa e Sicignano degli Alburni

Prima le indiscrezioni, poi la conferma della candidatura del sindaco di Sassano Tommaso Pellegrino ed infine l’ufficialità. Da oggi pomeriggio con la presentazione del Giro d’Italia 2014, la carovana rosa torna in provincia di Salerno. Il 15 maggio 2014 la sesta tappa della gara ciclistica più bella del mondo partirà da Sassano, dopo che la scorsa primavera si è assistiti all’arrivo della terza tappa 2013 ad Ascea Marina e la partenza della quarta da Policastro Bussentino.

Quella di Sassano non sarà la tappa più lunga del giro per 2 km, infatti sono 247 i chilometri che dovranno affrontare i ciclisti durante la sesta tappa da Sassano a Montecassino. La tappa più lunga, infatti è l’11esima Collecchio – Savona, di 249 km.

Tappa di Media Montagna Due Gran premi della montagna, uno in provincia di Salerno, a Cava dei Tirreni, il secondo all’arrivo a Montecassino, per quella che è una tappa di media montagna, ottima per chi è dotato di un buono spunto veloce e capace di reggere il ritmo su salite non molto lunghe e dure.

120 km in provincia di Salerno per l’unica tappa Campana. Dopo la partenza di Sassano, i ciclisti si dirigeranno verso lo svincolo di Atena Lucana, per poi passare per Polla e Petrosa per lasciare il Parco nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni a Scorzo, frazione di Sicignano degli Alburni, di seguito Serre, Eboli Battipaglia, Pontecagnano per ritornare, nel giro di un solo anno, a Salerno.

Marco Pantani Partenza dall’Irlanda il 9 maggio per concludere a Trieste il primo giugno con la passerella finale e la premiazione, ma il Giro d’Italia 214 vuole celebrare Marco Pantani nel decennale della sua morte. Saranno tre le salite legate al suo nome: il Carpegna dove il Pirata si allenava partendo da Cesenatico, durante l’ottava tappa Foligno – Montecorpioli.
L’Oropa, dove nel 1999 Pantani ha dato vita ad uno dei numeri più belli del ciclismo moderno. Dopo un incidente meccanico riuscì a riprendere e superare, uno ad uno 49 avversari andando a vincere in solitaria. La salita si percorrerà durante la tappa Agliè – Oropa.
Per ultimo il mitico Zoncolan dove il Pirata regalò l’ultima gioia ai suoi tifosi prima della prematura scomparsa. Sullo Zoncolan si deciderà il Giro in quanto sarà l’arrivo della penultima tappa che partirà da Maniago.

Giro d’Italia che piace al vincitore uscente Vincenzo Nibali della formazione kazaka Astana: «Il percorso è molto bello, – dichiara Nibali alla Gazzetta dello Sport – disegnato molto bene. Una corsa bella, affascinante. L’ago della bilancia può essere la crono dei vini, anche se poi ci sono salite molto dure nel finale. Bene il giorno di riposo in più. Il favorito? Sicuramente un fondista scalatore che si difende a cronometro». 

Luca Paolini della russa Katusha, vincitore della tappa di Ascea nel 2013: «Parteciperò al Giro d’italia 2014, rientra nei miei piani e penso anche nei piani della squadra. Abbiamo in Rodriguez l’uomo di punta, quindi cercheremo di fare una squadra per vincere il Giro nel miglior modo che possiamo. E’ un giro duro ma non impossibile».

Tutte le tappe

Venerdì 9 maggio – 1° tappa: Belfast (cronosquadre) 21,7 km
Sabato 10 maggio – 2° tappa: Belfast – Belfast 218 km
Domenica 11 maggio – 3° tappa: Armagh – Dublino 187 km
Lunedì 12 maggio – Riposo
Martedì 13 maggio – 4° tappa: Giovinazzo – Bari 121 km
Mercoledì 14 maggio – 5° tappa: Taranto – Viggiano 200 km
Giovedì 15 maggio – 6° tappa: Sassano – Montecassino 247 km
Venerdì 16 maggio – 7° tappa: Frosinone – Foligno 214 km
Sabato 17 maggio – 8° tappa: Foligno – Montecopiolo 174 km
Domenica 18 maggio – 9° tappa: Lugo di Romagna – Sestola/Passo del Lupo 174 km
Lunedì 19 maggio – Riposo
Martedì 20 maggio – 10° tappa: Modena – Salsomaggiore Terme 184 km
Mercoledì 21 maggio – 11° tappa: Collecchio – Savona 249 km
Giovedì 22 maggio – 12° tappa: Barbaresco – Barolo (cronometro individuale) 46,4 km
Venerdì 23 maggio – 13° tappa: Fossano – Rivarolo Canavese 158 km
Sabato 24 maggio – 14° tappa: Agliè – Oropa 162 km
Domenica 25 maggio – 15° tappa: Valdengo – Plan di Montecampione 217 km
Lunedì 26 maggio – Riposo
Martedì 27 maggio – 16° tappa: Ponte di Legno – Val Martello 139 km
Mercoledì 28 maggio – 17° tappa: Sarnonico – Vittorio Veneto 204 km
Giovedì 29 maggio – 18° tappa: Belluno – Rifugio Panarotta 171 km
Venerdì 30 maggio – 19° tappa: Bassano – Cima Grappa (cronoscalata) 26,8 km
Sabato 31 maggio – 20° tappa: Maniago – Monte Zoncolan 167 km
Domenica 1 giugno – 21° tappa: Gemona del Friuli – Trieste 169 km

©Riproduzione riservata