• Home
  • Cronaca
  • A rischio la raccolta rifiuti a Camerota: dipendenti Yele in agitazione, vantano stipendi da ottobre 2012

A rischio la raccolta rifiuti a Camerota: dipendenti Yele in agitazione, vantano stipendi da ottobre 2012

di Biagio Cafaro

A Camerota è a rischio la raccolta rifiuti poiché il segretario provinciale Cisal Angelo Morinelli ha dichiarato lo stato di agitazione di tutti i lavoratori iscritti al sindacato addetti alla raccolta, al trasporto e allo smaltimento dei rifiuti solidi urbani, operanti nel comune di Camerota.

I lavoratori vantano spettanze da ottobre 2012: «Ad oggi continua a perdurare lo stato di incertezza nell’erogazione dello stipendio dei dipendenti della Yele, in particolar modo i lavoratori addetti alla raccolta, trasporto e smaltimento Rsu del comune di Camerota i quali vantano stipendi da ottobre 2012 a dicembre 2012 e da aprile 2013 a tutt’oggi, comprese 13esime e 14icesima» spiega Morinelli nella richiesta di attivazione delle procedure di raffreddamento.

Il problema è nella morosità dei comuni: «Non è solo il Comune di Camerota, tra i comuni morosi, che deve somme alla Yele, in quanto siamo a conoscenza di altre criticità da parte di comuni facenti parte del Corisa4 che si servono, in modo diretto o indiretto dell’operato della Yele» spiega Morinelli.

Quindi oltre alla proclamazione dello stato di agitazione, Morinelli chiede al prefetto della provincia di Salerno «l’attivazione della procedura di raffreddamento, precisando che, esperito il tentativo di conciliazione e che nel caso lo stesso abbia esito negativo, vi sarà la proclamazione dello sciopero di tutti gli addetti alla raccolta Rsu dipendenti della Yele impegnati sul territorio del comune di Camerota».

Clicca qui per leggere la risposta del Comune di Camerota

©

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019