• Home
  • Politica
  • Scoppia la rivolta dei Piccoli Comuni: annunciano battaglia contro sindaco di Salerno De Luca

Scoppia la rivolta dei Piccoli Comuni: annunciano battaglia contro sindaco di Salerno De Luca

di Marianna Vallone

In ballo ci sono un miliardo di euro per quattrocento opere cantierabili in 300 Comuni campani. Strade, scuole, messa in sicurezza. Progetti a sostegno dei piccoli comuni della Campania che andrebbero in fumo nel caso in cui il Tar dovesse dare ragione al sindaco di Salerno De Luca. Ecco perché prima Anci, l’associazione dei Comuni, e poi Asmez hanno annunciato di contrastare l’azione del primo cittadino. Ma anche la Regione, appena sarà notificato il ricorso al Tar, si costituirà in giudizio.

Insomma, un fronte comune a difesa dei Piccoli Comuni. Un fronte politicamente trasversale – si legge su Repubblica Napoli in un articolo a firma di Ottavio Lucarelli – che coinvolge sindaci di destra e di sinistra. Tra questi anche il primo cittadino di Pollica, Stefano Pisani, componente del direttivo nazionale del Partito democratico. «I piccoli comuni – ha commentato Francesco Pinto, presidente del Consorzio Asmez –  hanno dimostrato ancora una volta una straordinaria operatività progettuale, e non staranno fermi ad attendere i gravi pregiudizi che potrebbero ricevere dall’azione giudiziaria avviata dal Comune di Salerno per bloccare il finanziamento ai progetti dei comuni con meno di 50mila abitanti previsto dall’avviso pubblico regionale sull’accelerazione di spesa dei fondi europei».

«Non possiamo assistere inermi a quest’azione fuori luogo di De Luca – spiega Pinto – volta a tutelare in maniera impropria interessi di parte. Per questo ho già dato mandato ai nostri legali di tutelare gli interessi dei Comuni che Asmez rappresenta costituendosi dinnanzi al Tar in opposizione all’azione del Comune di Salerno». Quello che De Luca contesta sono due punti fondamentali contenuti nel ricorso: la decisione della giunta di centrodestra guidata da Stefano Caldoro – secondo il sindaco di Salerno – penalizzerebbe le grandi città che rispetto ai piccoli centri offrirebbero peraltro maggiori garanzie di una spesa rapida e corretta dei fondi europei.

Sul ricorso al Tar, si è anche espresso a più riprese il consigliere regionale del gruppo Caldoro, Giovanni Fortunato che nei giorni scorsi ha inviato una lettera a tutti i sindaci: «Non intendo scatenare guerre contro nessuno – aveva spiegato – perché non è questo lo spirito che deve animarci. Mai in gioco non c’è solo e soltanto questa grande opportunità per realtà territoriali che in passato sono state a dir poco trascurati: mi riferisco, infatti, all’affermazione di un principio di perequazione e meritocrazia che in una regione dove in passato si finanziavano solo le amministrazioni dei fedelissimi costituisce una vera e propria rivoluzione culturale. Per questo ho chiesto ai sindaci campani di fare fronte comune, di mettere in campo ogni utile iniziativa di opposizione all’impugnativa del comune di Salerno e – ha concluso – la loro costituzione di parte in un eventuale procedimento di merito».

©

Leggi anche: Il sindaco di Salerno De Luca: «I comuni del Cilento devono essere immediatamente finanziati»

Sindaco di Piaggine su ricorso De Luca: «Azione inconcepibile e vergognosa, va a scapito dei comuni minori»

Aloia furioso contro De Luca: «Azione deplorevole», a rischio riqualificazione piazza Vallo della Lucania

De Luca richiede sospensione finanziamento da 300 milioni di euro Ue, il Cilento si ribella

Fortunato replica a De Luca: «I comuni non temano la sua azione, spero che il ricorso naufraghi miseramente»

De Luca presenta ricorso per i finanziamenti della Regione, a rischio 300 milioni di euro per il Cilento


©Riproduzione riservata




A Cura di

Marianna Vallone

Giornalista per professione e comunicatrice per passione, sono alla continua ricerca di storie da raccontare e tramonti da immortalare. Nata sulla costa di Maratea ma morigeratese da sette generazioni. Vivo nel cuore verde del Cilento e sono felice. Faccio domande anche quando conosco le risposte, perché continuo a pensare che l’essere umano sia il viaggio più bello da fare.
Tutti gli articoli di Marianna Vallone

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019