La protezione civile in piazza, incontro dibattito con le Aquile di Sacco (FOTO)

Infante viaggi

«Mettersi al servizio degli altri nel momento in cui ne hanno bisogno e avere un grande rispetto e senso di vicinanza per il proprio territorio». Questa è solo una delle tante attestazioni di stima per i volontari della protezione civile che in innumerevoli occasioni hanno dimostrato sensibilità per la sofferenza altrui e vicinanza al proprio territorio. Anche il Cilento, oggi, è garante con i suoi volontari della sicurezza dei cittadini e Sacco, in particolare, con le sue ‘Aquile’ dimostra di essere particolarmente sensibile a questo tema.

A tal proposito, nella mattinata di oggi, in piazza del Popolo, si è tenuto un incontro dal tema: ‘La Protezione Civile in piazza’ con un focus incentrato sui pericoli a cui ogni massaia può quotidianamente incappare. Tante le autorità e cittadini intervenuti: il sindaco di Sacco, Claudio Saggese, il presidente della Comunità Montana Calore salernitano Angelo Rizzo, il sindaco di Roscigno, Armando Mazze, il primo cittadino di Piaggine Guglielmo Vairo e Marianna Iannone presidente del Gopi San Pietro al Tanagro.

«Dobbiamo dare merito alla protezione civile di essere sempre presente, probabilmente molto più presente rispetto a tante altre associazioni del territorio – dichiara ai microfoni del Giornale del Cilento Claudio Saggese – Devo dire lo fanno con passione e con grande capacità perché sono tutti preparati come notiamo anche nell’organizzazione dell’evento. Mi rammarico – continua – per la mancanza del presidente nazionale della Protezione Civile che non è potuto essere presente in quanto persona anziana e anche per l’assenza delle Aquile di Pozzuoli e Caserta perché impegnate in interventi. Ma la manifestazione – conclude – rimane importante in quanto un modo per far conoscere le loro potenzialità».

  • assicurazioni assitur

Ad aprire il dibattito Nicola Pisanos presidente delle Aquile di Sacco al quale nel corso dell’evento viene consegnata anche una targa al merito: «Noi siamo per il territorio, per il benessere dei cittadini e per la salvaguardia dell’ambiente – dichiara Pisanos – Ci impegnamo al massimo pur con penuria di mezzi e non percependo nulla, soltanto un rimborso spese, ma ne siamo orgogliosi in quanto sappiamo che apparteniamo a un popolo – conclude – l’Italia, che è stato il primo a fondare la Protezione Civile». Seguono a ruota gli altri interventi. Marianna Iannone presidente Gopi San Pietro al Tanagro: «Noi siamo qui per sottolineare l’importanza della collaborazione fra comuni al di sotto di mille abitanti – commenta Iannone – Nei nostri comuni, infatti, i mezzi sono pochi e solo attraverso la collaborazione possiamo garantire la sicurezza del cittadino».

L’intervento di Angelo Rizzo, poi, è particolarmente sentito. I primi cittadini presenti, infatti, gli chiedono un impegno specifico per la sicurezza dell’Alto Calore martoriato da innumerevoli eventi franosi: «Sino a questo momento – commenta – ho cercato di garantire il posto di lavoro ai dipendenti dell’ente montano, d’ora innanzi cercherò per quanto possibile di offrire la mia collaborazione a chi vuole salvaguardare la montagna». L’incontro si conclude con una spettacolare lezione degli uomini della Protezione Civile sulla pericolosità delle bombole a gas.

©Riproduzione riservata

  • Lido Urlamare Palinuro
  • assicurazioni assitur
  • Lido La Torre Palinuro