• Home
  • Cronaca
  • Fortunato si mobilita per Velia e scrive a Franceschini: «Trasferire personale dagli uffici al Parco archeologico»

Fortunato si mobilita per Velia e scrive a Franceschini: «Trasferire personale dagli uffici al Parco archeologico»

di Marianna Vallone

«Salviamo il Parco Archeologico di Elea-Velia». Così il consigliere regionale del gruppo Caldoro, Giovanni Fortunato nella lettera – appello inviata al ministro per i Beni Culturali Dario Franceschini e al presidente della Regione Campania Stefano Caldoro. «Elea-Velia, patria di Parmenide e Zenone, rappresenta un patrimonio storico di incalcolabile valore – scrive Fortunato – Un sito straordinario, ma anche una risorsa  turistica e occupazionale, puntualmente sprecata, perché abbandonata al proprio destino». «Il Parco archeologico necessita di urgenti interventi di messa in sicurezza – tuona il consigliere – non è possibile continuare a fare finta di niente. Il crollo del muro, avvenuto pochi giorni fa, rappresenta un campanello di allarme, forse l’ultimo, per salvare ciò che resta dell’antica città della Magna Grecia, simbolo della nostra cultura nel mondo». «Servono risorse da parte del Governo ma anche personale per la manutenzione del sito. – continua Fortunato e lancia una proposta – Tanto per iniziare la Soprintendenza potrebbe trasferire buona parte del personale dagli uffici ai Parchi Archeologici. Faccio riferimento – conclude il consigliere – soprattutto a quei funzionari che vengono impiegati per la tutela ambientale in luoghi, come il Cilento, già ben salvaguardati dall’ Ente Parco».

©

Leggi anche Crolli a Velia, dal web l’appello a Franceschini: «Il Cilento non deve essere dimenticato dal Governo»

Velia come Pompei, crollato il muro occidentale dell’Agorà

©Riproduzione riservata




A Cura di

Marianna Vallone

Giornalista per professione e comunicatrice per passione, sono alla continua ricerca di storie da raccontare e tramonti da immortalare. Nata sulla costa di Maratea ma morigeratese da sette generazioni. Vivo nel cuore verde del Cilento e sono felice. Faccio domande anche quando conosco le risposte, perché continuo a pensare che l’essere umano sia il viaggio più bello da fare.
Tutti gli articoli di Marianna Vallone

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019