• Home
  • Politica
  • Chiuso l’ospedale di Agropoli, cresce la protesta con l’occupazione della direzione sanitaria del nosocomio

Chiuso l’ospedale di Agropoli, cresce la protesta con l’occupazione della direzione sanitaria del nosocomio

di Biagio Cafaro

Ieri, domenica 9 giugno 2013, il comitato cittadino di Agropoli contro la chiusura dell’ospedale durante una riunione ha deciso all’unanimità di procedere per stamattina, lunedì 10 giugno, all’occupazione della direzione sanitaria dell’ospedale Civile di Agropoli. L’appuntamento è stato fissato per le ore 8.00 davanti all’entrata della struttura. Da oggi, lunedì 10 giugno, l’ospedale di Agropoli è ufficialmente chiuso, il nosocomio non accetta più ricoveri. Il comitato ha cercato di contattare anche il  sindaco di Agropoli Franco Alfieri per chiedere la sua partecipazione all’occupazione, ma, fa sapere il comitato, era in riunione, quindi è stato prontamente contattato il vice sindaco per richiedere la presenza del primo cittadino.

La protesta Il programma della mattinata non si conclude qui: «Parteciperemo alla riunione dei sindaci – fa sapere il comitato – in programma nella stessa mattinata all’aula consiliare del comune di Agropoli e prenderemo la parola e chiederemo di trattare 3 punti di cui vorremmo risposte: 1 Cosa è stato fatto politicamente per salvare l’ospedale; 2 Cosa si sta facendo; 3 Cosa si è disposti a fare». Per salvare l’ospedale il comitato ha in programma una serie di attività e non si escludono azioni eclatanti. Si partirà dalla raccolta firme e dalla raccolta delle tessere elettorali, per passare alla manifestazione a Napoli sotto la regione Campania e nel frattempo si praticherà la disobbedienza civile.

Lo staff del sindaco L’ufficio stampa del Comune di Agropoli comunica che «la riunione dei sindaci, in programma alle ore 11.00 di oggi, si terrà presso l’ospedale civile di Agropoli e non più presso l’aula consiliare del Comune».

©

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019