Contrabbando di sigarette e gasolio, cilentano condannato a 4 anni e 2 mesi

La guardia di finanza di Salerno ha fermato, nel luglio dello scorso anno, un contrabbando di sigarette e gasolio e ha notificato 31 misure cautelari per i reati di associazione per delinquere finalizzata principalmente al contrabbando di gasolio, nonché di tabacchi lavorati esteri su scala europe. Coinvolte persone e società con sede in Austria, Romania, Polonia, Slovacchia, Ungheria, Malta, Cipro. Il consumo finale del carburante e delle sigarette riguardava l’Italia. In Italia sono 20 le persone finite nei guai. Secondo gli inquirenti a capo della banda c’era il  cittadino romeno Laurentiu Marius Pop che, con la collaborazione di Salvatore Attanasio, residente a Trentinara, ed altri personaggi, avrebbe trasferito indebitamente ad operatori economici del settore ingentissimi quantitativi di gasolio per autotrazione attestandone in maniera fittizia il trasporto su strada mediante documentazione in cui il carburante era falsamente indicato quale olio lubrificante. Ieri, il gup Donatella Mancini, ha emesso la sentenza di condanna per Pop, Attanasio e altre persone. Salvatore Attanasio è stato condannato a 4 anni e 2 mesi; Laurentiu Marius Pop condannato a 4 anni: Vincenzo Ambrosino, nato a Sarno ma residente a Nola, condannato a 2 anni e 8 mesi. 

©Riproduzione riservata