Ancora problemi per il centro Juventus: da gennaio stop al servizio di trasporto disabili

Dopo i problemi di ottobre per la chiusura del centro, nuovi disagi per l’Istituto Juventus. Da gennaio, infatti, la proprietà della struttura non garantirà più il servizio di trasporto pubblico a bambini e giovani con disabilità motorie anche gravi. La questione era stata già affrontata ad ottobre con l’Asl, dove i sindaci del Piano di zona S9 avevano assicurato che si sarebbero fatti carico dei costi del trasporto. «Noi genitori siamo stanchi, ogni vostro intervento è uno schiaffo morale alla nostra dignità. – scrive il comitato delle mamme sulla sua pagina Facebook – Il tempo della comprensione e delle riunioni e degli incontri e degli accordi è finito. Avete dichiarato pubblicamente che vi sareste fatto carico delle spese del trasporto? Bene. A noi non interessa l’elemosina vogliamo il servizio!!! Voi lo avete garantito». Dall’altra parte il sindaco del Comune capofila, Sapri, in un’intervista sulla Città, risponde: «Stiamo facendo ciò che ci dice la legge, oltre la quale non possiamo andare. A breve – dice ancora Del Medico – ci riuniremo per approvare un regolamento per rimborsare con un contributo mensile i costi del trasporto a tutte quelle famiglie che rispettano i criteri della spesa pubblica in termini di contributo, stimati in base ai chilometri che si percorrono per accedere al centro».

©Riproduzione riservata