• Home
  • Cronaca
  • Croce rossa Sala Consilina: medaglia d’oro alla memoria di Giuseppe Paladino

Croce rossa Sala Consilina: medaglia d’oro alla memoria di Giuseppe Paladino

di Marianna Vallone

Una medaglia d’oro al merito della Croce rossa italiana sarà consegnata ai familiari dell’avvocato Giuseppe Paladino, morto ad agosto a Palinuro mentre cercava di salvare tre persone che rischiavano di annegare. La consegna ai familiari avverrà sabato 15 febbraio alle 18 presso l’auditorium Cappuccini di Sala Consilina. L’evento è stato organizzato con il patrocinio del Comune di Sala Consilina, della Comunità Montana Vallo di Diano, del Comune di Centola-Palinuro e dell’ordine degli avvocati di Sala Consilina e la Croce Rossa locale. Alla cerimonia parteciperanno, oltre a Monica Cimino e Jacopo Paladino, moglie e figlio dell’avvocato, tutte le istituzioni, le associazioni e i corpi delle forze armate provinciali. Sarà presente anche il presidente del Comitato Provinciale della Croce Rossa di Salerno, Renato Del Mastro.

Intanto prosegue nel Vallo di Diano il programma di formazione della Croce Rossa Italiana. Si è tenuto, domenica 9 febbraio 2014, a Sant’Arsenio, presso la sede locale della Croce Rossa, il corso Blsd, relativo alle manovre da compiere per intervenire in caso di arresto cardiaco. Il corso si svolgerà anche a Sala Consilina, nella sede di via Dante Alighieri domenica 23 febbraio ed è aperto solo ai volontari che hanno superato l’esame del corso base che si è svolto venerdì 24 gennaio 2014.

©

©Riproduzione riservata




A Cura di

Marianna Vallone

Giornalista per professione e comunicatrice per passione, sono alla continua ricerca di storie da raccontare e tramonti da immortalare. Nata sulla costa di Maratea ma morigeratese da sette generazioni. Vivo nel cuore verde del Cilento e sono felice. Faccio domande anche quando conosco le risposte, perché continuo a pensare che l’essere umano sia il viaggio più bello da fare.
Tutti gli articoli di Marianna Vallone

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019