Consac, approvato il bilancio: perdita di 700mila euro, annunciati finanziamenti condotta Faraone

Si è tenuta giovedì 2 luglio l’assemblea dei soci della Consac gestioni idriche spa, alla quale hanno partecipato in 24 tra sindaci e delegati che hanno approvato il bilancio di esercizio del 2014. Bilancio che però si chiude con una perdita di circa 700 mila euro. «Maggiori spese sono state effettuate nel 2014 rispetto al 2013 per costi energetici, 700 mila euro, ed acquisto risorsa idrica, 120 mila euro – spiega la consac – Entrambi i costi fanno riferimento ad una situazione climatica più sfavorevole rispetto a quella dell’anno precedente e all’esigenza di maggiore funzionamento di pompaggi e potabilizzatori al fine di garantire la continuità del servizio idropotabile». Luigi Rispoli, presidente del consiglio di amministrazione precisa però che sul piano economico la società riesce ad autosostenersi. I problemi derivano però dal lato finanziario, infatti solo nello scorso anno gli utenti morosi sono aumentati in numero considerevole. Al termine dell’assemblea è stato consegnato ai sindaci un dossier sulla situazione dell’acquedotto ‘Faraone’ che in passato ha creato non pochi problemi ai comuni serviti da tale impianto per via dei gravi problemi strutturali presenti. In autunno partiranno i lavori per sanare questa situazione che ha creato già parecchi disservizi. A finanziare l’operazione è il ministero dell’Ambiente che mette a disposizione circa un milione di euro per i lavori sull’acquedotto più altri due milioni di euro per il rinnovamento dei tratti della condotta idrica a Futani, Montano Antilia e Torre Orsaia.

©Riproduzione riservata