Ferrovia Sicignano – Lagonegro, un quarto di secolo e li dimostra

Infante viaggi

Con una dichiarazione il Codacons esprime il suo disappunto sulla sospensione dal 1987 dell’arteria ferroviaria Sicignano – Lagonegro, fatto che decreta, a suo dire, anche la morte della politica nel Valdiano.

La dichiarazione “Tino Iannuzzi ha manifestato, pubblicamente, la sua soddisfazione per la risposta del governo Monti ad una sua interrogazione parlamentare sul potenziamento della linea ferroviaria Battipaglia-Reggio Calabria, che attraversa il Cilento.

Alla fine dei lavori – continua Rocco Panetta . che prevedono anche la realizzazione di una nuova variante alla linea tra Ogliastro e Sapri, i treni viaggeranno a 180-200 km/ora.

Il parlamentare salernitano ha dimenticato che il prossimo primo aprile (purtroppo non è un pesce d’aprile) il Vallo di Diano “festeggerà” il 25° anniversario della sospensione del traffico sulla linea Sicignano-Lagonegro, avvenuta il primo aprile 1987.

A Sala Consilina si è inaugurata una stazione per autobus diretti al centro – nord  che hanno ha velocità massima, in autostrada, di 100 km/ora; qualcuno pensa di costruirne un’altra anche a Polla e tra qualche mese partiranno dalla stazione di Salerno anche i treni ad alta velocità ITALO di NTV, oltre ad i frecciarossa di Trenitalia.

  • Vea ricambi Bellizzi

La maggioranza dei cittadini e degli Amministratori del Vallo di Diano – continua – oggi giustamente ambientalisti, non ha mai viaggiato su un treno (regionale o ad alta velocità), molto meno inquinante e più veloce, confortevole e sicuro di qualsiasi  autobus.

Con l’arrivo della concorrenza sull’alta velocità, ci sarà anche la convenienza economica; il CIPE ha stanziato 200 milioni di euro per rammodernare la linea ferroviaria Potenza-Foggia, 110 km, a binario unico non elettrificato, che non ha alcun collegamento con l’alta velocità.

Iannuzzi chieda lo stanziamento di 100 milioni di euro per riaprire al traffico i 55 km di linea da Sicignano a Montesano, facendo eseguire parte dei lavori, come avvenuto in Bosnia e Kosovo, al  battaglione Armamento e Ponti del Genio Ferrovieri, così.  i costi diminuirebbero drasticamente.

I cittadini del Vallo di Diano, a 70 km da Salerno ossia dall’alta velocità, ed i turisti che vogliono visitare la zona – conclude Rocco Panetta – non  crederanno più di essere capitati nelle zone interne della Sicilia, negli anni 50, quando gli emigranti viaggiavano con le “corriere”, un fatto che, giustamente, non è mai  avvenuto nel Cilento”.

  • Lido La Torre Palinuro
  • assicurazioni assitur
  • Vea ricambi Bellizzi
  • Lido Urlamare Palinuro