Sapri, medico in vacanza: pazienti in fila al reparto di Gastroenterologia chiuso

0
24

Il direttivo dell’assemblea territoriale di Sapri, con coordinatore Mario Fortunato segnala la presenza di un considerevole inconveniente manifestatosi presso il reparto di Gastroenterologia dell’ospedale ‘immacolata’ di Sapri. Ovvero al fine di garantire le ferie al medico responsabile del compartimento bisogna interrompere il servizio. Ma, a quanto pare, non sembra essere la prima volta. Accadde già nell’agosto del 2007, e quest’anno, da venerdì 4 settembre, l’attività è stata nuovamente interrotta. Tutto questo va, giustamente, a discapito degli utenti che, vista la mancanza del medico principale, compiono dei salti mortali per riuscire a ricoprire il ruolo del ‘dottore vacanziere’. Basti pensare che alcuni pazienti ricoverati sono stati trasferiti in ambulanza al ‘San Luca’ di Vallo della Lucania, il soccorso d’urgenza è stato dirottato verso altri presidi ospedalieri e chi ancora deve fare ingresso in ospedale rimane in fila ad attendere. Ma, in tutto questo, il dottore Marco Martorano si sta godendo le sue vacanze.

Sicuramente è un diritto che gli spetta in quanto lavoratore, ma sarebbe stato opportuno pensare a qualcuno che potesse sostituirlo, invece di optare per la chiusura del reparto. Anche perché il servizio di Gastroenterologia di Sapri fa invidia a un po’ tutta la Campania, e non solo. Gode di un’utenza che giunge anche da fuori regione (Basilicata e Calabria) e negli anni precedenti ha registrato fino a 8.000 prestazioni annue di cui 5.000 esami endoscopici. Proprio in considerazione del gradimento mostrato dagli utenti e anche per venire incontro alle esigenze dell’utenza, il Tribunale del Malato di Sapri ha più volte richiesto di aumentare il personale medico di almeno un’unità e il trasferimento del reparto Gastroenterologia di Sapri in locali più idonei, come risulta da un vecchio progetto più volte presentato alla Dirigenza Azienda dell’Asl. Ma le ferie di Martorano non sembrano essere l’unico problema. Dall’ospedale si denunciano i disagi vissuti al Pronto Soccorso richiedendo una più adeguata sistemazione della Radiologia, l’abbattimento delle liste d’attesa (in particolare per le mammografie) e una migliore organizzazione degli ammalati cronici assistiti al proprio domicilio. Per la risoluzione di tali problemi è stato richiesto un incontro, da parte della Segreteria Regionale di ‘Cittadinanzattiva’ ai massimi dirigenti dell’Asl Salerno. Inoltre è stato informato anche il Governatore della Regione Campania Vincenzo De Luca.

©Riproduzione riservata

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here