San Marco di Castellabate: Rodolfini e Frascari si aggiudicano la XIVesima edizione del “Trofeo dei Tre Mari”

Nel territorio di “Benvenuti al Sud” si è conclusa  la quattordicesima edizione del “Trofeo dei Tre Mari”, il circuito di regate del centro-sud Italia che abbraccia il Tirreno, lo Jonio e l’Adriatica. San Marco di Castellabate, per il secondo anno consecutivo,  ha ospitato l’importante manifestazione velica dedicata agli optimist ( una classe monotipo per barche a vela) grazie all’impegno del presidente del Club Nautico Castellabate, Francesco Lo Schiavo.  L’evento è stato patrocinato dal comune di Castellabate, dalla Provincia di Salerno e dal Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. Nelle acque cilentane, oltre cento ragazzini, tra gli otto e i quindici anni,  hanno regatato tra l’entusiasmo dei genitori che li hanno accompagnati in questo week-end cilentano e dei curiosi del posto, attirati dallo sciame di vele bianche che per diverse ore ha reso le acque dell’Area Marina Protetta di Santa Maria di Castellabate uno spettacolo unico da vedere. Tutto ciò accadeva mentre anche la storica “Regata dei Tre Golfi” attraversava le acque di San Marco di Castellabate. A trionfare, dopo due giorni intensi di prova, soprattutto nella giornata conclusiva di domenica grazie alle migliori condizioni del vento, sono stati la giovanissima Lucille Frascari (Planet Sail)  per la categoria Cadetti e Rodolfo Silvestrini ( LNI Porto San Giorgio) per la categoria Juniores, dopo aver trionfato già nella scorsa edizione nella categoria Cadetti. Ottima anche la prova del salernitano Mario Marsilia del Circolo Canottieri  Irno, classificatosi al terzo posto della classifica Juniores.  Da premiare lo sforzo del  Club Nautico Castellabate Francesco Lo Schiavo che, grazie anche al sostegno della Federazione Italiana Vela e dell’Associazione Italiana Classe Optimist ,  è  riuscito nell’intento di confermare San Marco di Castellabate quale campo di regata di livello nazionale. <<La buona riuscita della regata – dice l’Ingegnere –  la contentezza dei ragazzi, degli allenatori, degli Ufficiali di regata e di  tutti gli attori che occupano la scena dell’evento sportivo sono  il giusto ristoro per i tanti sforzi compiuti. Dal 1994 ad oggi con il mio impegno in Federazione sono riuscito a portare a Castellabate decine di regate ,centinaia di velisti , decine di UdR e dirigenti sportivi>>.