Rodio, nonna Ersilia compie 100 anni, il suo segreto? L’amore per l’orto e per Sant’Aniello

Il segreto per vivere a lungo? Andare in campagna e pregare. Almeno secondo nonna Ersilia Zito, 100 anni appena compiuti, tra le donne più anziane – ma solo anangraficamente – del Cilento. Sesta di otto figli, è nata il 12 agosto 1915 a Rodio, frazione di Pisciotta, ancora ragazzina ha iniziato a lavorare al palazzo baronale con la famiglia Lanfulfo. Poi l’incontro con Domenico Tomeo, l’amore e il matrimonio nel 1935. Due figli, una soltanto in vita, due nipoti e quattro pronipoti.  

Ha voluto spegnere le sue cento candeline circondata dall’affetto della figlia, ora 75enne, dalla sorella 90enne e da un esercito di nipoti, pronipoti e amici nella piazza del paese. Una giornata senza dubbio speciale nel piccolo borgo cilentano. La nonnina più longeva di Rodio, malgrado la veneranda, età è ancora lucida, ricorda gli anni passati, e prega tantissimo. Molto devota a Sant’Aniello, protettore di Rodio, «e guai se non la portiamo a messa nelle tre giornate festive del santo», scherza Domenico, suo nipote.

Il suo elisir di lunga vita? Non ha mai spesso di pregare e lavorare. Una vita, la sua, scandita da gioie, emozioni, ma anche tanti sacrifici. Ha lavorato duramente in campagna per non far mancare nulla ai suoi figli, senza trascurare mai la fede. Il suo aspetto curato e l’autonomia che, in parte conserva ancora adesso che vive a Sapri con la figlia, dissimulano la sua invidiabile età. 

©Riproduzione riservata