• Home
  • Sport
  • Vallo della Lucania: Battipagliese – Gelbison 1-0 sul neutro di Campagna

Vallo della Lucania: Battipagliese – Gelbison 1-0 sul neutro di Campagna

di Biagio Cafaro

Seconda sconfitta consecutiva in trasferta per la Gelbison. La squadra di mister Longo non riesce ad imporsi sui cugini della Battipagliese ed esce, dal campo neutro “Dino Rocco” di Campagna, sconfitta e senza punti nonostante un match equilibrato e giocato alla pari. Al 4° contatto sospetto in area della Gelbison con De Cesare atterrato da Braca, ma nonostante le lamentele dei bianconeri l’arbitro fa continuare. Al 5° azione pericolosa della Gelbison con errore di Renna che mette il pallone sui piedi di Senè che è ben contrastato da Sparano e non riesce a pungere. All’8° azione di Caruso che lancia De Cesare e a sua volta ritorna la sfera a Caruso, ma la palla va a lato della porta difesa da Spicuzza. Ancora Gelbison al 10° con Senè che con un tiro cross colpisce il palo esterno. All’11° Marasco batte una punizione e la spedisce a De Cesare che però vede il tiro rasoterra indirizzato nell’angolo deviato in corner dall’estremo difensore rossoblù. Al 16° Amarante batte una punizione insidiosa che Loccisano è costretto a deviare in angolo per salvare la porta. Azione corale al 20° della Gelbison con Senè e Ortolini, ma il tiro dell’attaccante rossoblù termina fuori. Marasco si fa vedere la prima volta al 29° con un tiro dalla sinistra del limite dell’area ma respinge la difesa vallese, sulla seguente azione la sfera dopo un batti e ribatti va a finire a Tortora che tira di prima intenzione la palla però termina al lato della porta difesa da Spicuzza. Insiste la Battipagliese con una punizione radente e tagliata di De Cesare, al 33°, dal vertice dell’area di rigore vallese il pallone è però bloccato da Spicuzza. E’ un dominio Battipagliese, anche se attacca in maniera confusionaria, e così al 35° De Cesare serve Marasco che di piatto destro, all’interno dell’area piccola, indirizza verso la porta dove un preparato Spicuzza riesce a salvare la propria rete. La Gelbison non ci sta a fare la vittima sacrificale e reagisce; al 36° va in avanti sempre con Senè che sfrutta una triangolazione Ortolini-Sica, ma vedendo in uscita il portiere avversario prova ad anticipare il tiro che si perde fuori. Occasione sprecata da Tortora al 39° tutto solo dinanzi a Spicuzza, l’attaccante si fa ipnotizzare e non riesce ad angolare il tiro che è facile preda dell’estremo difensore vallese.

Il Gol. Al 42° arriva il vantaggio della Battipagliese; punizione di De Cesare che mette il pallone nell’angolino dove un ottimo Spicuzza riesce a deviare, ma l’appostato Marasco ribatte in rete. Dopo un minuto di recupero l’arbitro manda tutti negli spogliatoi per un primo tempo diverte e vibrante.

Il secondo tempo inizia con una grande occasione per il neo entrato Grimaudo che però si perde di poco distante dalla porta di Loccisano. Al 4° è Marasco ad andare vicino al raddoppio, ma Spicuzza in due tempi riesce ad agguantare la sfera e a non capitolare. Contropiede dei bianconeri al 10° con De Cesare che tira da posizione proibitiva e Spicuzza blocca senza problemi. Cinque minuti dopo altra protesta della Battipagliese che chiede un rigore quando in area di rigore si incunea Sasso che prova a servire uno dei suoi compagni ma la palla è deviata con il braccio, abbastanza nettamente, da Montariello. Il signor Gentile lascia continuare tra le veementi proteste dei giocatori e dei tifosi bianconeri. De Cesare prende il posto di Senè e si rende subito pericoloso quando al 21° supera Biancardi e tira in porta dove Loccisano riesce a parare, la palla va sui piedi di Ortolini che non inquadra la porta e sfuma il pareggio. E’ ancora Spicuzza, al 29°, a superarsi e a salvare la porta della Gelbison con un gran tuffo nell’incrocio dei pali su un tiro di De Cesare. Il capitano della Battipagliese De Cesare, tra i migliori in campo insieme a Caruso, non ci sta e tenta di entrare nel tabellino dei marcatori con una precisa punizione dai venticinque metri al 30° e colpisce il palo pieno con uno Spicuzza che può solo guardare il pallone spegnersi sul montante. Gli ultimi tredici minuti poi la Gelbison li gioca in dieci perché Montariello deve abbandonare il campo dopo uno scontro di gioco, la panchina rossoblù ha già effettuato i tre cambi, ma nonostante tutto la Gelbison va vicino al pari, al 38°, con Ortolini che si vede respinto il preciso e potente tiro da Loccisano e con Grimaudo che non riesce nel tap in vincente. E’ l’ultima occasione prima del triplice fischio del signor Gentile che dopo 6 minuti mette fine alla contesa.                                     

 

Tabellino

Battipagliese(4/3/3): Loccisano, Sparano, Renna, Biancardi, Follera, Pingue, Panico, Caruso, Tortora, Marasco, De Cesare. A disposizione: Della Corte, Sasso, De Feo, Serrapica, Ripoli, Cataruozzolo, Troisi. Allenatore: Sergio La Cava

Gelbison (4/3/3): Spicuzza, Melcarne, Pascuccio, Braca, Montariello, Borsa, Amarante, Manzillo, Senè, Ortolini, Sica. A disposizione: Brancale, Dell’Isola, Pecora, Grimaudo, De Cesare, Manganelli, Tulimieri. Allenatore: Emilio Longo (squalificato) in panchina il secondo Michele Aquino  

Arbitro: Armando Gentile di Lodi

Reti: 42° Marasco (B)

Ammoniti: Pascuccio, Amarante, De Cesare (G) – Tortora, Panico (B)

Sostituzioni: 46° Grimaudo per Borsa (G), 50° Sasso per Marasco (B), 56° Pecora per Manzillo (G), 66° De Cesare per Senè (G), 73° Ripoli per Pingue (B), 87° Cataruozzolo per Tortora (B)

Angoli: 4 a 1 per la Battipagliese

Recupero: 1 minuto nel primo tempo e 6 minuti nel secondo tempo

Spettatori: 600 di cui 100 provenienti da Vallo della Lucania

Note: forte vento che ha creato non poco disturbo ai calciatori in campo

Interviste

Emilio Longo (allenatore Gelbison): “Abbiamo perso perché non siamo stati in grado di sfruttare le occasioni da rete che ci sono capitate. Oggi è stata una partita che abbiamo cercato di fare nostra anche quando ci siamo trovati in dieci per l’infortunio capitato a Montariello che è stato portato in ospedale per ulteriori accertamenti. E’ il momento di alzare l’asticella perché quando possiamo vincere pareggiamo e quando possiamo pareggiare perdiamo. Per il futuro sono speranzoso perché prima o poi anche un po’ di fortuna girerà dalla nostra parte”.

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019